Ddl lavoro: assalto a Montecitorio, carica della polizia

14 giu. – Tafferugli tra manifestanti e forze dell’ordine davanti Palazzo Montecitorio. L’edificio e’ blindato dalle forze dell’ordine, polizia e carabinieri in assetto antisommossa.

Alcuni manifestanti dei centri sociali e dei Cobas che, sin da questa mattina, stanno protestando contro la riforma del mercato del lavoro nelle vie limitrofe a Montecitorio e Palazzo Chigi sono riusciti ad avvicinarsi ad un’entrata laterale della Camera in Via del Vicario e hanno oltrepassato le transenne di protezione. Subito una carica di contenimento delle forze dell’ordine ha respinto i manifestanti.

Non sono mancate manganellate ai manifestanti riversatisi su Piazza Montecitorio, hanno dato il via a un lancio di palloni e di qualche fumogeno rosso. Sui palloni e’ scritto “no rigore”, con la faccia del premier, Mario Monti, disegnata accanto e sotto lo slogan “riforma del lavoro, partita truccata”.

Scontri piu’ violenti invece nei pressi del Pantheon tra agenti e manifestanti che tentavano di raggiungere Montecitorio e che in una stradina laterale del Pantheon hanno lanciato diversi e bottiglie, contro le forze dell’ordine.

“Noi la crisi non la paghiamo”: e’ lo slogan che hanno ripetuto i manifestanti davanti a piazza Montecitorio, dove il ‘comitato no debito’, collettivi universitari e centri sociali continuano a manifestare contro la riforma del mercato del lavoro. “Facciamo cadere il governo Monti. Sciopero generale”, si legge in uno striscione ostentato in piazza. Non solo, su pannelli ricoperti di stoffa rossa, si moltiplicano le scritte: “No rigore, la Grecia non si elimina”. E ancora, “Licenziamo il commissario tecnico Monti”, “Licenziamolo. Monti sei espulso”.
“E’ un primo presidio contro il ddl Fornero”, spiega Stefano un giovane manifestante. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Ddl lavoro: assalto a Montecitorio, carica della polizia”

  1. l’ironia è bella ,ma contro la tragedia non serve … non sarà con i palloni ed i cartelli che questi sterminatori dei diritti del popolo vanno via!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -