Firenze, Matteo Renzi licenzia le societa’ di rating: 120mila euro risparmiati

26 mag -Il Comune di Firenze non rinnovera’ i rapporti con le societa’ di rating Standard & Poor’s e Moody’s. Lo ha deciso la giunta nell’ultima seduta. I soldi risparmiati, circa 120 mila euro annui, saranno investiti nel sociale.

Nel testo della delibera si legge tra l’altro che ”gli enti locali non sono tenuti ad acquisire uno specifico servizio per l’attribuzione del rating” e deve essere considerata ”la generale necessita’ di una razionalizzazione e contenimento delle spese dell’Ente, anche in relazione alla consistente riduzione dei trasferimenti erariali”. Il Comune quindi ”non procedera’ all’aggiornamento del rating” e ”non rinnovera’ i rapporti” con le agenzie.

”Ogni anno – afferma il sindaco Matteo Renzi – per avere il rating del Comune paghiamo alle agenzie specializzate 120.000 euro. Per l’azione di governo della citta’ non abbiamo bisogno del rating. E in generale credo sia arrivato il momento di farla finita con la subalternita’ della politica alla finanza. Per questo abbiamo deciso che da quest’anno quei 120 mila euro andranno al sociale e non alle agenzie di rating”.

”La decisione presa dal Comune di Firenze di non rinnovare gli incarichi con le societa’ di rating per i bilanci degli enti locali e’ un ottimo esempio di spending review e di risparmio della spesa pubblica a vantaggio dei cittadini”.

Lo dichiara il Presidente dell’Upi, Giuseppe Castiglione, che afferma: ”Proporro’ a tutte le Province di adottare una decisione analoga e di destinare le risorse che si risparmieranno a interventi a favore dell’occupazione o per sostenere progetti per le popolazioni colpite dal sisma in Emilia. Mi auguro che anche tutti i Comuni seguano lo stesso esempio. La crisi economica e il bisogno di utilizzare al meglio tutte le risorse che gli enti locali hanno ci impone di tagliare ogni euro inutile.

Questi davvero possiamo risparmiarli”.



   

 

 

1 Commento per “Firenze, Matteo Renzi licenzia le societa’ di rating: 120mila euro risparmiati”

  1. ma se i comuni non emettono bond e non sono quotati in borsa cosa cacchio se ne fanno del rating?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -