Lettera aperta a Monti da collega bocconiano: Accanimento su incassi e non su uscite è deleterio

Caro professor Monti,
mi permetto di scriverle in nome della nostra vecchia colleganza universitaria, per essere stati entrambi assistenti alla Bocconi, lei del professor Innocenzo Gasparini e io del Rettore dell’università, professor Giordano Dell’Amore e avere vinto la cattedra nello stesso anno, il 1975.

Lei considera l’Agenzia delle Entrate come un’istituzione amica, poiché impegnata a far pagare le tasse agli italiani e recuperare 10/15 miliardi di euro di evasione fiscale. La considera amica poiché lei è impegnato nello sforzo di ridurre o eliminare al più presto il deficit pubblico annuale e per questa via ridurre la consistenza del debito pubblico.

In realtà le cose vanno diversamente. L’Agenzia delle Entrate, è vero, cerca di far pagare più tasse agli italiani anche se il rapporto fra le entrate tributarie (o pressione fiscale) e il Pil è il più alto del mondo, per cui i soldi ottenuti per questa via dovrebbero bastare. Ma invece di fare una campagna martellante sulla necessità che il denaro pubblico sia considerato sacro e le decine o centinaia di migliaia di sperperatori vengano perseguite, si fa una campagna ancora più martellante e invasiva solo sulle colpe degli evasori. Lungi dal giustificarli o dal sostenerne le ragioni.

Però l’ Agenzia delle Entrate sta facendo qualcosa di diverso che aumentare il gettito tributario di quei 10/15 miliardi di euro. Sta terrorizzando gli italiani con il risultato di spingerli a ridurre in ogni modo i consumi. Il vecchio redditometro è uno strumento grezzo e impreciso: eppure l’evasione viene calcolata sulla differenza fra l’accertato presuntivamente e il dichiarato, con una protervia da Santa Inquisizione.

L’ Agenzia delle Entrate si muove sulla base di misure amministrative strampalate, che paiono più il frutto della fantasia malata di qualche burocrate paranoico che del senso comune. Io non posseggo nessuna automobile di lusso, ma il fatto di sapere che l’infrazione stradale commessa da un Suv sia sanzionata non solo con la multa prevista dal codice della strada, ma anche con l’automatica segnalazione all’Agenzia delle Entrate dello status fiscale dell’automobilista, mi mette i brividi. Ma non è questo il punto.

Il fatto è che con il vecchio redditometro e ancor più con il centinaio di voci del nuovo redditometro gli effetti sui consumi degli italiani sono e saranno sempre più disastrosi. Chi acquisterà più un’automobile, una lavatrice, un televisore, un computer, un frigorifero, dei mobili, o altro? Chi farà viaggi per turismo, si iscriverà ad un club sportivo o farà visitare il proprio cane dal veterinario sapendo che la somma spesa verrà moltiplicata per n volte per ottenere il reddito presunto? Già si parla di un crollo delle vendite di automobili dalle 2.300.000 unità di due anni fa alle 700.000 previste per quest’anno, con effetti disastrosi sul settore e su tutto l’indotto, che è grandissimo.

I consumi in Italia rappresentano circa il 70% del Pil e si può fare una proiezione, che io ritengo certa, di un meno 5% del Pil medesimo per il 2012. A quel punto l’Agenzia delle Entrate, da sua amica, diventerà la sua peggior nemica. Perché con un debito cresciuto di poco e un denominatore ridotto di molto, il rapporto debito/Pil dell’Italia alla fine di quest’anno salirà dal 120% al 130%. È noto che l’Italia è disallineata rispetto a paesi comparabili come la Germania, la Francia e la Spagna, che veleggiano intorno all’80-85% del rapporto in parola. La nostra difesa è che stiamo migliorando. Ma come prenderanno i mercati finanziari il fatto che invece di migliorare peggioriamo tale rapporto di 10 punti? La risposta è ovvia: con un aumento impressionante dello spread e con il rischio che imbocchiamo la via della Grecia.

Caro professor Monti, mentre lei si sta occupando di salvare l’Italia da una parte, l’apparato burocratico, dall’altra, le sta scavando la fossa sotto i piedi. Ha creato le condizioni perché l’Italia sia ingessata e quando si è ingessati non solo non si cresce, ma si riduce il peso corporeo a causa dell’atrofia muscolare.

di Francesco Arcucci – www.italiaoggi.it

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Lettera aperta a Monti da collega bocconiano: Accanimento su incassi e non su uscite è deleterio”

  1. Il redditometro è uno strumento assolutamente imperfetto. Si va a spulciare il reddito di chi possiede un’auto di lusso che può essere stata acquistata d’occasione a poco, e poi nessuno si preoccupa di chi spende molto di più in beni meno appariscenti, meno identificabili. Comunque poi, l’acquisto di un bene di lusso in genere, entro ragionevoli limiti, può essere frutto di una legittima scelta che ha comportato la rinuncia ad altro e che non è assolutamente riconducibile ad un reddito elevato. Un simile accertamento dovrebbe esere limitato ad evidenti casi di incompatibilità tra tenore di vita in senso ampio e reddito dichiarato ed anche lì ci possono essere dei casi limite. Pensiamo a quanti giovani, completamente privi di reddito perché disoccupati, vengono finanziariamente sostenuti “in toto” dalle famiglie, più o meno benestanti, che destinano loro una parte cospicua delle loro entrate, sui cui hanno pagato fior di tasse, senza che la legge le agevoli per questo in alcun modo. Eppure, quante famiglie svolgono la funzione di ammortizzatore sociale?

  2. Purtroppo è proprio così!….. I consumi peggioreranno, e ci sarà ancora più evasione fiscale secondo me quest’anno, perchè tutte le piccole e medio imprese non riescono più a sostenere questa pressione fiscale!!! Aggiungo anche che cmq almeno questo è un governo che si stà muovendo nel fare delle riforme, ma sè non si diminuisce la pressione fiscale sulle aziende, in modo da dare nelle buste paghe più soldi ai dipendentii sarà moooooooooooolto dura per tutti!!!! NON ACCETTO IN ALCUN MODO CHE DOBBIAMO PERCEPIRE 1000€ IN MENO DI STIPENDIO RISPETTO ALLA MEDIA EUROPEA!!!! PERCHE’????

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -