Terzi: ”Stiamo valutando chiusura della nostra ambasciata a Teheran”

L’Italia sta valutando la chiusura della propria ambasciata in Iran dopo l’assalto di ieri contro la sede diplomatica inglese a Teheran. Lo annuncia il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, rispondendo a una domanda dei giornalisti.

Il titolare della Farnesina, inoltre, precisa che “approfondiremo con gli altri partner europei la linea da seguire e intendiamo riflettere rapidamente sui seguiti, per quanto riguarda la presenza del nostro ambasciatore e dei nostri diplomatici a Teheran”.

Intanto, Londra ha deciso di ritirare il personale diplomatico presente in Iran e ha dato 48 ore di tempo a Teheran per chiudere la propria ambasciata nella capitale britannica, come annunciato dal ministro degli Esteri William Hague in Parlamento.

Il capo del Foreign Office ha detto che un paese che non riesce a proteggere i diplomatici stranieri, come richiesto dalla Convenzione di Vienna, non può aspettarsi che la Gran Bretagna ospiti i suoi diplomatici. Nonostante la “difficoltà” che si sta registrano nei rapporti tra l’Iran con la Gran Bretagna, come con altri paesi occidentali, non “c’è nessuna scusante” per questa “grave violazione” del principi della convenzione di Ginevra, ha detto ancora il ministro degli Esteri intervenendo alla Camera dei Comuni.

Il presidente della Commissione Esteri e per la Sicurezza nazionale del Parlamento iraniano ha condannato la decisione di Londra. ”La Gran Bretagna è responsabile di tutte le ripercussioni che avrà la sua decisione”, ha detto Aladdin Borujerdi alla tv al-Alam. Il Parlamento, ha aggiunto, ”ha ridotto i rapporti diplomatici (con Londra, ndr) e l’opinione pubblica è felice che i diplomatici britannici non siano più in Iran”. ”Consigliamo agli altri Paesi europei – ha concluso – di non seguire le politiche della Gran Bretagna e degli Stati Uniti”.

Intanto, il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, ha richiamato l’ambasciatore tedesco in Iran e la Norvegia ha annunciato la chiusura della sua sede diplomatica. Anche la Francia ha deciso di “richiamare per consultazioni” il suo ambasciatore.

Il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha condannato in modo molto duro l’attacco di ieri definendolo “un affronto non solo al popolo britannico ma anche alla comunità internazionale”.

Ieri il ministero degli Esteri iraniano aveva espresso “rammarico” per l’attacco contro l’ambasciata britannica. In una nota, il ministero si era detto dispiaciuto per “i comportamenti inaccettabili di un piccolo gruppo di manifestanti, nonostante gli sforzi della polizia”.

La polizia iraniana nel frattempo ha arrestato i giovani manifestanti che hanno fatto irruzione all’interno della sede diplomatica inglese. Lo ha annunciato il capo delle forze di sicurezza iraniane, Ahmad-Reza Radan, senza precisare il numero delle persone finite in manette. Radan, citato dall’agenzia d’informazione ‘Irna’, ha dichiarato che le indagini sull’accaduto “sono ancora in corso”.

Morteza Tamaddon, presidente della regione di Teheran, ha annunciato inoltre la nascita di una speciale commissione governativa che avrà il compito di svolgere “indagini mirate su quanto è accaduto ieri di fronte all’ambasciata britannica”. Tamaddon, uno degli uomini più vicini al presidente Mahmoud Ahmadinejad, ha spiegato che la commissione è diretta da Ali Abdollahi, responsabile dell’intelligence del ministero dell’Interno.

adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -