Sanremo, prete nigeriano: ”Cesarini poteva evitare il razzismo restando in Africa”

laura cesarini

“Lorena Cesarini avrebbe potuto evitare gli atti di razzismo se fosse rimasta in Africa, anche grazie a strutture costruite da associazioni come Opera Don Bonifacio – Azione Verde”. Lo dice all’Adnkronos don Bonifacio Duru, prete nigeriano e padre fondatore dell’associazione omonima che porta avanti progetti di riqualificazione del villaggio di Orlu, in Nigeria, dopo l’intervento sul razzismo e la denuncia dell’attrice di origine senegalese ieri sul palco dell’Ariston durante il festival Saremo 2022.

Secondo Bonifacio quanto successo a Cesarini è inevitabile se si continua a trattare l’immigrazione senza avere una visione d’insieme in grado di tenere conto delle differenze culturali e capace di attuare politiche che puntino a un’integrazione costruttiva. “Va bene -dice don Bonifacio- che i giovani vengano qui in Italia e si incontrino con altri coetanei italiani, ma sarebbe giusto che si incontrassero alla pari, con lo stesso livello di cultura e dignità.

“Quando i giovani africani vengono qui, attraversando il mare come clandestini, vengono impreparati e le persone ignoranti, per paura, tendono a trattali male. Certo, in Italia ci sono tante persone accoglienti, ma ce ne sono tante altre che vivono con il timore dello straniero e non accettano l’incontro tra due culture”.

Per questo motivo Don Bonifacio ha creato l’associazione Azione Verde, con la missione di preparare i ragazzi nigeriani a un futuro più dignitoso. “Se vengono istruiti -spiega il prete- e si confrontano con altre persone, anche di culture diverse, hanno meno possibilità di essere discriminati e maltrattati. Noi dobbiamo educare in Africa questi ragazzi e prepararli, anche perchè lì c’è spazio da vendere per farli restare e per aiutare il paese a crescere

“Il mio progetto prevede che i ragazzi restino a casa loro, perchè i più giovani sono i protagonisti della crescita e dello sviluppo di un paese. Senza di loro perdiamo tutto. Il razzismo io lo vedo come causato dalla paura dell’altro e dall’ignoranza perchè i razzisti credono che l’altro possa prendere il loro posto, quindi penso che il governo, che dice di voler aiutare questi paesi a crescere e svilupparsi, dovrebbe investire sul posto per consentire ai giovani, miei conterranei, di restare in Africa. Così ci sarebbero meno di queste che vengono percepite come invasioni”

.Secondo don Bonifacio il razzismo ”fa parte della natura umana. Quando diciamo razzismo parliamo di una questione di identità, ognuno si identifica nell’incarnato bianco o nero ed è qualcosa che esteticamente vediamo nel concreto. Esiste però un razzismo che fa male, che culmina nella segregazione. Quel tipo di razzismo significa dare importanza alle caratteristiche della razza, come il colore della pelle o la cultura di un paese. Questo tipo di razzismo negativo è messo in atto dalle persone ignoranti, che danno importanza a cose superficiali, come il colore dell’incarnato e puntano su queste differenze. Il razzismo invece può essere buono, come qualcosa che ci distingue l’uno dall’altro e un punto di partenza per apprezzare il mondo. Le persone mature vedono la diversità come un valore aggiunto, una gioia per l’esistenza. Per risolvere il problema Azione Verde ha creato il programma di viaggio della speranza dove noi cerchiamo di fare incontrare alcuni italiani in Africa per fargli vivere la cultura dell’altro con i risultati di una convivenza e condivisione bilanciati”.  ADNKRONOS

Condividi

 

bresup

Articoli recenti