Lazio, false presenze di Zingaretti in Regione. Aperta inchiesta

false presenze di Zingaretti

Lazio, false presenze di Zingaretti in Regione. Inchiesta, c’è un indagato. Nicola Zingaretti è finito al centro di un’indagine segreta della Procura di Roma per – si legge sulla Verità – delle presunte giustificazioni non veritiere per le assenze in Consiglio regionale. L’opposizione definisce l’ex segretario del Pd un fantasma. Un suo stretto collaboratore sarebbe già stato iscritto nel registro degli indagati, l’accusa è di falso. Adesso la Procura ha messo sotto inchiesta chi ha presentato le giustificazioni del presidente “per impegni istituzionali”.

False presenze di Zingaretti

In diverse di queste circostanze – prosegue la Verità – era facilmente verificabile tramite la tv e i social che Zingaretti fosse impegnato in dibattiti politici o che fosse in giro per l’Italia a fare campagna elettorale per il Pd di cui era segretario. Nel 2019 Zingaretti è risultato giustificato per 48 volte, si è presentato in aula 7 volte ed è risultato assente altrettante. Adesso i magistrati dovranno appurare se la decisione di indicarlo come assente giustificato sia stata autonoma da parte dello staff o se i collaboratori abbiano obbedito ad ordini dall’alto. affaritaliani.it

Condividi