Seychelles, torna in lockdown il paese più vaccinato al mondo

seychelles contagi

Le Seychelles hanno vaccinato contro la Covid-19 in proporzione più di ogni altro Paese al mondo, ma la situazione dei contagi è comunque andata peggiorando. In seguito ad un rapido e vertiginoso aumento dei contagi, lo Stato insulare ha deciso di chiudere le scuole e cancellare attività sportive per due settimane. Le misure restrittive prevedono una limitazione dei contatti, consentita soltanto tra conviventi di due abitazioni diverse, e la chiusura anticipata di bar e ristoranti. E questo, nonostante più del 60% della popolazione abbia completato il ciclo vaccinale con le famose due dosi. Le norme anti-Covid messe in atto, sono simili a quelle decise verso la fine del 2020.

“Nonostante tutti gli sforzi eccezionali che stiamo facendo, l’andamento epidemiologico della Covid-19 nel nostro Paese è in una condizione critica, con un incremento notevole dei contagi giornalieri” ha detto in conferenza stampa martedì 4 maggio 2021, Peggy Vidot, il ministro della Salute della Repubblica delle Seychelles.

L’arcipelago localizzato nell’Oceano indiano conta una popolazione di circa 98.000 abitanti. L’importanza del turismo per l’economia del Paese, ha portato il governo a somministrare tempestivamente i vaccini a gennaio. Inizialmente, le dosi somministrate provenivano da una donazione della Cina e degli Emirati Arabi Uniti. Da allora, l’esecutivo ha stretto accordi anche con altre case farmaceutiche.

Serbia: con campagna vaccinale di massa triplicati i contagi

Seychelles, il 62,2% della popolazione ha ricevuto due dosi

Al 12 aprile, il 59% delle dosi iniettate erano della cinese Sinopharm e il resto di Covishield, una versione di AstraZeneca prodotta sotto licenza in India. Secondo quanto riporta Bloomberg, al momento il 62,2% della popolazione totale ha ricevuto due dosi. In rapporto al 55.9% dell’Israele, le Seychelles sono la Nazione che ha vaccinato di più al mondo.

Dai 612 casi del 28 aprile, il numero di casi attivi è schizzato a 1.068 registrati il 3 maggio, secondo quanto riportato dal ministero della Salute seychelliano. Di questi, l’84% sono cittadini dell’arcipelago, mentre il resto sono stranieri. Ha scritto nel suo blog Daniel Lucey, professore di medicina clinica alla Dartmouth Geisel School of Medicine. Secondo l’analisi di Lucey, meno di due terzi di questi non hanno ricevuto il vaccino, oppure hanno ricevuto una sola dose. Il resto ha ricevuto tutti e due i vaccini necessari.

variante Sudafricana nelle Seychelles, vaccino poco efficace

Il professore ha sottolineato che non sono ancora disponibili i dati riguardo al sequenziamento del Dna per le infezioni di aprile. La variante B.1.351, conosciuta anche come variante Sudafricana, è stata riscontrata nelle Seychelles la prima volta a febbraio, prosegue Lucey. Il vaccino di AstraZeneca è risultato poco efficace contro questa variante in uno studio scientifico, e il Sudafrica ha deciso di non proseguire la campagna vaccinale con il preparato anglo-svedese, svendendo le dosi AstraZeneca ad altri Paesi del continente africano.

“Un confronto tra Sinopharm, Covishield e le persone contagiate che non hanno ricevuto il vaccino, potrebbe essere realizzato tramite il sequenziamento del Dna e i dati sulla condizione della loro infezione” sostiene Lucey. “Visto l’utilizzo in tutto il mondo di questi due vaccini, ci sono delle implicazioni globali per quanto sta accadendo ora nelle Seychelles”.

Altre Nazioni che hanno attuato un efficace campagna vaccinale hanno assistito a un rapido abbassamento della curva dei contagi. Nel Regno Unito, dove il 52% delle persone ha ricevuto una dose, i casi sono crollati del 96%, in seguito al picco di gennaio. Stesso discorso vale per Israele, dove il 60% ha almeno ricevuto una dose, riducendo i casi del 99%.

https://www.liberoquotidiano.it

Condividi