Boko Haram: “attaccheremo chiunque impedisca la jihad”

boko haram jihad

I gruppi terroristici di Boko Haram stanno distribuendo volantini nel nord della Nigeria per spiegare gli obiettivi delle loro agitazioni. Un avviso diffuso da Boko Haram, mostrato da un residente, recita: “Stiamo combattendo la guerra della Jihad; attaccheremo solo i militari, i loro collaboratori e chiunque ci impedisca di portare a termine il nostro Jihad “. Un altro residente ha detto a NewsWireNGR: “Le copie della lettera sono state distribuite ai residenti di Geidam venerdì tardo pomeriggio prima che iniziassero gli attacchi”.

Venerdì la setta di Boko Haram ha attaccato la città di Geidam, il quartier generale dell’area del governo locale di Geidam nello stato di Yobe, residenza dell’attuale ispettore generale della polizia, Usman Baba Alkali. I terroristi hanno attaccato il cuore della città, bruciando negozi e sparando continuamente in uno scontro a fuoco con le truppe. I residenti sono stati costretti a chiudersi in casa oa nascondersi tra i cespugli.

La città si trova a circa 200 km da Damaturu, la capitale dello stato di Yobe, ed è una delle città di confine tra la Nigeria e la Repubblica del Niger.

boko Haram volantino
Il volantino di Boko Haram

I terroristi islamici hanno invaso la città con diversi camion di armi intorno alle 18:00: hanno distrutto attrezzature militari pesanti e condiviso fotografie di camion di armi rasi al suolo dagli insorti. L’attacco ha costretto le truppe nigeriane a limitare più tardi il movimento lungo la strada Damaturu-Damboa-Biu.

L’attacco di Yobe non è stata il primo caso in cui il gruppo ha invaso la città natale del capo di un’agenzia di sicurezza. I terroristi avevano già fatto irruzione nei villaggi dell’ex capo di stato maggiore dell’aeronautica, il defunto Alex Badeh, e dell’ex capo di stato maggiore dell’esercito, Tukur Buratai, rispettivamente negli stati di Adamawa e Borno quando erano in servizio.

newswirengr.com

Condividi