Covid, morto un volontario del vaccino Astrazeneca in Brasile

Un volontario (un medico di 28 anni che era in perfetta salute, ndr) della sperimentazione clinica in Brasile di AstraZeneca/Oxford per il vaccino anti Covid-19 è morto. Lo riferisce la Reuters – ripresa dall’agenzia Bloomberg – citando l’autorità sanitaria brasiliana Anvisa e l’università federale di San Paolo che contribuisce a coordinare la fase 3 della sperimentazione nel Paese sudamericano. ANSA

Già il 9 settembre erano stato comunicato un altro serio problema. Una doccia fredda, ghiacciata, sul vaccino da coronavirus su cui lavora l’AstraZeneca di Pomezia insieme all’Università di Oxford: stop a tutti i test clinici dopo che uno dei partecipanti ha accusato una seria potenziale reazione avversa. Stop necessario, dunque, per rivedere i dati sulla sicurezza. “Il nostro processo standard di revisione dei test ha fatto scattare una pausa”, afferma un portavoce di AstraZeneca. “Si tratta di un’azione di routine che si verifica ogni volta che c’è una potenziale reazione inspiegata in uno dei test”. Azione che permette così di “indagare e assicurare allo stesso tempo il mantenimento dell’integrità del processo dei test”.

Al 28enne morto per complicazioni durante il volontariato nello studio del vaccino Astrazenca in Brasile era stato ** dato un PLACEBO ** secondo Bloomberg News. Altre fonti dicono che non è chiaro se avesse ricevuto un placebo o no.

Condividi