Coronavirus, truffa da 18mila euro: preso predicatore salafita

Germania – Un predicatore salafita e sostenitore dello Stato islamico che vive a Berlino, ha messo in atto una truffa da 18.000 euro per ottenere aiuti immediati dallo stato, messi a disposizione per l’emergenza coronavirus, dopo aver falsamente affermato di essere nel commercio del miele.

Il 46enne Ahmad Armih, un islamista sotto osservazione ormai da anni, classificato come una minaccia per la sicurezza, ha presentato false domande alla banca di investimento dello Stato di Berlino, e successivamente ha speso gli aiuti per se stesso, riferisce il giornale tedesco Bild

“Ahmad Armih è sospettato di aver utilizzato la crisi del coronavirus, insieme al suo partner, per intascare un totale di 18.000 euro in sussidi, travisando la portata della sua attività commerciale, mentre entrambi hanno ricevuto benefici sociali”, ha detto il portavoce di il procuratore generale di Berlino, Martin Steltner.

Giovedì scorso, i fondi truffati sono stati recuperati dalla polizia di Berlino a seguito di un raid nell’appartamento di Armih. Le autorità hanno anche sequestrato elettrodomestici acquistati con i soldi.

Durante i suoi sermoni in una moschea di Berlino, Ahmad Armih ha definito le azioni intraprese da gruppi vicini ad Al Qaeda come “benedetta jihad” e ha invitato i suoi seguaci a stare alla larga dai “non credenti”.

Il truffatore salafita ha anche esortato chi ascoltava i suoi sermoni a trattare le persone che criticano l’Islam con “inimicizia e odio”.  voiceofeurope.com

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi