“Prima i Sauditi”, le norme sul lavoro in Arabia

Sono passati quasi due anni da quando migliaia di immigrati che vivono in Arabia Saudita hanno iniziato a lasciare il Paese a causa del nuovo programma di nazionalizzazione (noto anche come Nitaqat). Secondo la politica attuata dal Ministero del lavoro e dello sviluppo sociale, le aziende devono assumere cittadini sauditi e immigrati su una base di contingenza che favorisca i sauditi. Quasi due milioni di immigrati hanno lasciato l’Arabia Saudita dal 2017 .

Anche se, in realtà, la campagna saudita è stata lanciata negli anni ’80, è negli ultimi cinque anni che il governo saudita, sotto la guida del principe ereditario Mohammed bin Salman, ha adottato misure rigorose per creare determinate aree più accessibili ai sauditi. Settantadue professioni sono state interamente riservate ai cittadini del regno, tra cui risorse umane, posti di lavoro nei servizi finanziari e vendite. L’obiettivo è quello di ridurre la disoccupazione tra i sauditi e diversificare l’economia, che dipende in gran parte dal petrolio.

Per scoraggiare gli immigrati dal rimanere o arrivare in Arabia Saudita, il governo ha imposto commissioni mensili ai lavoratori stranieri che vanno da $ 26,7 a $ 107 per dipendente. Inoltre, le aziende che impiegano più immigrati rispetto ai cittadini sauditi sono tenute a pagare una penalità compresa tra $ 107 e $ 213 per dipendente.

Per molti anni, l’Arabia Saudita è stata una destinazione popolare per i lavoratori di tutto il mondo. Secondo i dati delle Nazioni Unite, nel 2017 gli immigrati in Arabia Saudita rappresentavano il 37% della popolazione totale.

Con le politiche saudite e il nuovo visto elettronico online valido per i visitatori di 49 paesi, l’Arabia Saudita è pronta a traformarsi da destinazione dei migranti ad accogliente centro turistico. Il paese sta compiendo sforzi per aprirsi al mondo attingendo a nuovi settori come l’intrattenimento e lo sport.

Tratto da  www.expat.com

Condividi