Brexit, UE: politica di Boris Johnson “inaccettabile”

Nel suo primo intervento da premier alla Camera dei Comuni, Boris Johnson ha lanciato un ultimatum all’Unione europea, chiedendo di rinegoziare l’accordo sulla Brexit, oppure affrontare la prospettiva di un divorzio senza accordo tra Londra e Bruxelles. “Siamo pronti a negoziare, in buona fede”, un accordo “alternativo”, ha detto Johnson, assicurando che il suo governo si “lancerà in questi negoziati con la massima energia e determinazione”. (adnkronos)

I principali esponenti europei hanno respinto la politica sulla Brexit di Boris Johnson dopo il suo primo discorso ai parlamentari britannici, tenuto ieri. Il nuovo primo ministro ha parlato in termini negativi delle garanzie per il confine irlandese e in generale del backstop, che è stato a lungo un argomento di contesa nei negoziati.

Il principale negoziatore della Brexit dell’UE, Michel Barnier, ha dichiarato inaccettabile la rimozione della garanzia di backstop, secondo BBC.Johnson ha anche parlato al telefono con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Juncker ha ribadito la posizione dell’UE secondo cui l’accordo già negoziato con Theresa May è il migliore possibile, sebbene abbia affermato che la commissione sarebbe disponibile nelle prossime settimane, se il Regno Unito volesse tenere colloqui. (askanews)

Condividi