Torino: petizione contro l’apertura di una nuova moschea

Il 50% delle moschee di Torino si concentra nella zona nord: sette si trovano nei quartieri di Barriera di Milano e Aurora. A queste, secondo voci dei residenti, dovrebbe aggiungersene un’ottava in via Porpora 29/21, nei locali che fino al 31 dicembre ospitavano un negozio di abbigliamento usato. Un’ipotesi contro cui sono contrari 308 cittadini, che hanno sottoscritto una petizione di iniziativa popolare perché “preoccupati per il proliferare senza controllo e senza programmazione istituzionale di nuove moschee nelle periferie della nostra città”.  Lo scrive www.torinoggi.it

“Assistiamo – ha spiegato il firmatario ed esponente di FdI Maurizio Marrone – ad una corsa all’islamizzazione del quartiere, che rischia di trasformare Barriera di Milano in una banlieue”. A questo, secondo i cittadini, si aggiunge “l’ulteriore deprezzamento degli immobili limitrofi, legato ad eventuali problemi di ordine pubblico e di quiete del circondario.” I firmatari sono anche contrari all’ipotesi di apertura di un centro culturale islamico in via Porpora , perché “già presente uno a poco più di un chilometro, in via Botticelli 104”.

Da qui la richiesta all’Amministrazione Appendino di “orientarsi verso una minore disponibilità a nuove aperture di moschee, facendo riferimento al Contratto di Governo, che proponeva la predisposizione di strumenti per la chiusura immediata di tutte le associazioni islamiche radicali e dei luoghi di culto irregolari”.

Condividi