Cirinnà (Pd) valuta candidatura a sindaco di Roma

“Amo la mia città, sono stata consigliera comunale per vent’anni. Sto valutando se partecipare alle primarie, che auspico si tengano. Sosterrò chiunque le vincerà. Le primarie servono a dare vita a una coalizione larga che vada oltre i partiti, aperta alle esperienze civiche: si deve sempre passare per il consenso. Vale per Monica, Zevi, Caudo”. Lo dice, intervistata da ‘Il Tempo’ Monica Cirinnà, senatrice del Pd, uno dei nomi della rosa Pd per la candidatura a sindaco di Roma.

“La questione – osserva – non è la sfida cattolici contro laici. Penso di poter rappresentare un’area trasversale, dentro e fuori il Pd, che si occupa di diritti civili e sociali, che sono un tutt’uno. E’ un diritto avere la città pulita come avere un congedo parentale. Su questo credenti e non credenti trovano il terreno per un impegno comune, lasciando insieme un segno nel tempo che vivono”.

In merito all’ipotesi di accordi con i 5 Stelle riferisce: “Lavoro con i 5Stelle al Senato da tempo. Avevamo posizioni lontane, c’è stata una loro evoluzione su tanti temi. Su Roma il discorso però è diverso: la crisi della città è sotto gli occhi di tutti, causata dal no perenne, a partire dalle Olimpiadi. Per vincere, non dobbiamo solo sottolineare le grandi mancanze di questa sindaca, ma concentrarci in positivo per recuperare le romane e i romani che, delusi da destra e sinistra, hanno creduto alle promesse dei 5Stelle. E’ un errore pensare che chi va al ballottaggio si possa accordare con chi ne è rimasto escluso. A Roma c’è un 40 per cento di indecisi e delusi, anche elettori grillini. E a quell’elettorato che dobbiamo parlare, non all’establishment”.

Secondo Cirinnà per far ripartire Roma servono: “Manutenzione: pulizia, cura del verde, illuminazione pubblica, buon funzionamento del trasporto urbano, con grande attenzione alle aree più fragili. Lavoro: che vuol dire rilanciare ogni possibilità di occupazione per i romani e creare le condizioni per far rimanere i laureati a Roma”. “Vuol dire – spiega – transizione ecologica, ricerca, servizi di qualità, commercio, turismo, una città attrattiva: non il disastro Raggi che ha fatto scappare tutte le grandi aziende, anche multinazionali. “Visione”: Roma deve riprendersi il suo ruolo in Italia e nel mondo”.

“Per questo – conclude – propongo a tutti i candidati di firmare da subito una “pax romana”: anche chi perderà le elezioni dovrà fare un leale gioco di squadra per chiedere a Governo e Parlamento la piena attuazione della riforma dell’ordinamento di Roma Capitale, soprattutto per quel che riguarda la consistenza dei fondi destinati Roma”.  ADNKRONOS

Condividi