Tragedia Marcinelle, Acli: “monito per tenere viva attenzione su diritti dei migranti”

“La tragedia di Marcinelle, dove 64 anni fa persero la vita 262 minatori, di cui 136 italiani, è un richiamo fondamentale che deve farci tenere sempre viva l’attenzione sul lavoro e sui diritti dei migranti”: lo ha dichiarato il presidente nazionale delle Acli, Roberto Rossini.

“Oggi gli sfruttati e gli ultimi provengono da altri Paesi e le Acli, che sono presenti in sedici Stati del mondo, cercano di essere sempre dalla loro parte con i servizi di segretariato sociale e con l’attività associativa”, ha ricordato Rossini.
“L’impatto del Covid sui dati dell’emigrazione italiana sarà un banco di prova importante rispetto alla salute sociale del nostro Paese – ha aggiunto Matteo Bracciali, vicepresidente della Federazione internazionale Acli -. Intanto le reti sociali hanno funzionato bene e, in molti casi, sono riuscite a rispondere alle difficoltà di rimpatrio e di sostegno economico nei casi più difficili”. AGENSIR

Condividi

 

One thought on “Tragedia Marcinelle, Acli: “monito per tenere viva attenzione su diritti dei migranti”

  1. Vorrei solo puntualizzare che son si possono paragonare i lavoratori italiani all’estero con i migranti, in quanto gli italiani che andavano all’estero erano in possesso di regolare contratto di lavoro, come ad esempio mio padre e altri suoi coetanei.

Comments are closed.