Coronavirus, Parmitano ritratta tutto. “Sapevo a novembre? Mi sono confuso”

Condividi

 

A mettere sempre più in difficoltà Giuseppe Conte, e in modo piuttosto clamoroso, le parole di Luca Parmitano, AstroLuca, l’astronauta italiano. Già, perché ha spiegato chiaro e tondo che lo scorso novembre, quando si trovava nello spazio, sapeva del coronavirus. Ben prima che la Cina dichiarasse i primi morti e i primi contagi. Di seguito, le precise parole pronunciate al Tg2 il 9 maggio 2020:

“Sulla stazione abbiamo seguito quello che stava succedendo sulla Terra: anche prima del mio rientro, già a novembre, eravamo al corrente di questo probabile contagio pandemico e soprattutto la gravità che si andava allargando a macchia d’olio proprio in Europa”.



Insomma, Parmitano sapeva. E per inciso lo aveva già lasciato intendere il 25 aprile, intervistato da Petrolio su Rai 1. Come facesse a sapere, è presto detto: la notizia aveva viaggiato dai servizi segreti americani a quelli italiani e dunque fino a lui, e poiché gli astronauti sono militari, in un modo o nell’altro, l’informazione è arrivata. Questo dimostra che la consapevolezza circa un’imminente pandemia era presente già a novembre. Questo significa che con discreta approssimazione Giuseppe Conte, già a novembre, avrebbe potuto sapere: la delega ai servizi fino a prova contraria è nelle sue mani. Insomma, certi ambienti avrebbero taciuto. Il resto, è storia.   liberoquotidiano.it

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -