Coronavirus, shock a Londra: morti almeno 10 conducenti di bus

LONDRA – Si aggrava il bilancio delle vittime del coronavirus non solo fra i medici e gli infermieri, ma anche fra i lavoratori di altri servizi essenziali costretti almeno in parte a restare operativi. Tra loro i trasporti pubblici. In particolare a Londra, dove il totale dei conducenti di bus rossi, di regola a due piani, morti dopo aver contratto il Covid-19 è salito dai 5 denunciati nei giorni scorsi dal sindacato Unite ad almeno 10.

A confermarlo è stato il Sindaco laburista della capitale britannica, Sadiq Khan, che ha promesso aiuto alle famiglie delle persone decedute e collaborazione con le organizzazioni sindacali e il Governo nazionale per assicurare misure di rafforzamento delle tutele per questa categoria.

Misure fra cui Unite ha indicato una più accurata «sanificazione degli autobus, l’incremento delle stazioni di lavaggio e disinfezione, e la fornitura di lastre isolanti» oltre che dotazioni protettive personali a difesa dei posti di guida, «e la distribuzione di disinfettante per le mani a bordo per i passeggeri».  https://www.tio.ch

Condividi