Coronavirus, Renzi: pensiamo ai migranti, cittadinanza a chi lavora

“Cura Italia incomprensibile fiume di parole – continua Renzi la burocrazia non può vincere sulla Costituzione”. “Ora pensiamo ai meno garantiti. Lavoro nero, immigrati e badanti meritano precise garanzie”. Il senatore di Italia Viva chiede lo stop a mutui e tasse:”ogni tipo di richiesta di denaro va sospesa: tasse, affitti, mutui.

Per l’ex premier il decreto economico contro il virus è incomprensibile:”il governo ha bloccato le libertà di sessanta milioni di italiani ma non è stato capace di bloccare il virus della burocrazia. Il “Cura-Italia” è un incomprensibile fiume di parole. Le autocertificazioni per spostarsi cambiano ogni giorno: facciamo un’autocertificazione in meno e un tampone in più. In momenti così la vita della gente va resa semplice, non complicata, in momenti così la burocrazia non può vincere sulla Costituzione».

Infine, Renzi riflette sulla condizione degli irregolari: “abbiamo anche il dovere di immaginare una strada per far emergere le sacche di “irregolarità”e di immaginare anche per queste precise garanzie. Penso ai lavoratori in nero a cominciare dalle badanti fuori regola e penso agli immigrati regolari che chiedono cittadinanza. Facciamo emergere la verità. E diamo cittadinanza a chi lavora”.Lo ha reso noto Matteo Renzi, concludendo un’intervista ad Avvenire.  ASKANEWS

Condividi