Arezzo: rifiuta tampone coronavirus, sindaco emette Tso

Rifiuta il tampone per il Coronavirus e il sindaco emette un’ordinanza di Tso per sottoporlo all’accertamento. “Stava male ma ha detto no al tampone, per questo ho emesso un’ordinanza per eseguire un trattamento sanitario obbligatorio”, a raccontare l’episodio avvenuto proprio oggi in città è stato il sindaco Alessandro Ghinelli (centrodestra, ndr) nella sua conferenza stampa per fare il punto sull’epidemia di Coronavirus.

Il primo cittadino ha spiegato che oggi l’uomo si è rifiutato, di fronte ai sanitari di sottoporsi all’accertamento.

“Non si gioca con la salute e quest’uomo con il suo comportamento ha rischiato di mettere a repentaglio la salute di tante persone. Quindi domani mattina la polizia municipale, insieme ai sanitari, si recheranno a casa dell’uomo ed eseguiranno il tampone. Fortunatamente durante questa lunga giornata, l’uomo è stato convinto a comportarsi responsabilmente e ci ha informati che domattina si sottoporrà al test senza problemi”.

www.arezzonotizie.it

Condividi