Coronavirus, allarme ospedale Cremona: «Non sappiamo più dove mettere i pazienti»

Mentre continuano a crescere i numeri dell’emergenza Coronavirus in Italia (qui gli ultimi aggiornamenti: mentre scriviamo, i contagiati sono 530, di cui 474 in assistenza, 42 guariti e 14 morti), dall’ospedale di Cremona — vicino: ma non all’interno della «zona rossa» del Lodigiano — si leva, in queste ore, un grido d’allarme.  milano.corriere.it

«Non sappiamo più dove mettere i pazienti», spiegano al Corriere fonti sanitarie. I casi di pazienti positivi ricoverati all’ospedale di Cremona sono — a mercoledì sera — 81, di cui 42 con polmonite. Diciotto pazienti sono in condizioni gravi: e i numeri «salgono in continuazione». Il reparto di terapia intensiva dell’ospedale non riusciva a ospitare tutti i pazienti: così molti di loro sono stati trasferiti, nella notte tra mercoledì e giovedì, all’ospedale San Matteo di Pavia e al Niguarda di Milano, «per liberare posti».

Un altro fronte è quello dell’ospedale San Paolo di Milano, dove mercoledì un anestesista è stato ricoverato per Coronavirus dopo essersi sentito male al lavoro. Immediata è scattata l’emergenza: 100 i tamponi eseguiti tra pazienti e medici, mentre un blocco operatorio è stato chiuso per sanificazione.

Condividi