Toscana, Rossi: ‘nei prossimi giorni rientreranno 2.500 cinesi’

Sono 2500 i cinesi che stanno tornando – o dovrebbero tornare – in questi giorni in Toscana dalla Cina. Tutti residenti in Italia, che erano andati a festeggiare il loro Capodanno in patria. Ad annunciarlo è il presidente della Regione, Enrico Rossi, che ha presentato un ambulatorio per la pronta diagnosi dei casi sospetti di Covid-19 per tutti i cittadini – di ritorno dalle aree a rischio – con sintomatologia respiratoria acuta. Il presidio sarà in funzione entro pochi giorni all’Osmannoro a Firenze, in uno spazio messo a disposizione dal Consolato generale delle Repubblica popolare cinese.

La maggior parte dei cinesi – ha spiegato poi Rossi – proviene dallo Zhejiang: quarta regione per numero di casi accertati del virus. Si tratta di circa 2.000 persone abitanti a Prato e 500 a Firenze. Il presidente ha anche specificato che nella provincia cinese di Zhejiang risultano ufficialmente “1.162 casi di contagio ad oggi, con zero deceduti, mentre nella provincia di Wuhan i casi sono 54.400 e i morti oltre 1.400”.

Condividi