L’ultima di Bonaccini: migranti negli immobili confiscati alla mafia

Sono 40 gli immobili sequestrati a disposizione: bando per 2000 posti. L’Emilia- Romagna si prepara per l’ondata migratoria della prossima primavera; serviranno altri posti-letto, ambulatori, aule e risorse. Per quanto riguarda gli alloggi, l’idea del governatore uscente Bonaccini è quella di utilizzare gli immobili sequestrati alla mafia per ospitare i “migranti”. Ad oggi risultano una quarantina di confische tra ville e appartamenti che potranno essere trasformati in centri di accoglienza.

Tant’è che sul territorio proprio negli ultimi due mesi è stato dato il via ai nuovi bandi per l’assegnazione dei servizi di ospitalità agli stranieri: 400 posti a Bologna, 830 a Forlì e Cesena, tra i 300 e i 400 sia a Modena che a Ravenna. Circa 2.000 persone in tutto al momento.

Condividi