Manovra, Pd: ricostruita credibilità internazionale dell’Italia

Non era semplice. Varare una buona legge di bilancio, nelle condizioni disastrose in cui il governo precedente aveva lasciato i conti pubblici italiani, non era affatto scontato.

C’era da evitare l’aumento dell’Iva di 23 miliardi, che avrebbe colpito indiscriminatamente tutte le famiglie italiane. L’abbiamo fatto.
C’era da sistemare i conti, ricostruendo la credibilità internazionale dell’Italia, distrutta da chi, mentre era al governo, diceva un giorno sì e un giorno no, che l’obiettivo era distruggere l’Europa. L’abbiamo fatto.

(Manovra, Ok 400mila euro per celebrare il partito comunista

Manovra: 20 milioni di euro e tasse azzerate per società sportive femminili

Franceschini: 15 milioni di euro per il “Museo della Resistenza”

Il governo Pd-M5s regala 20 milioni di euro alle Ong

Manovra, M5s: 900mila euro per la promozione della salute dei migranti, NDR)

C’era da dare un segnale verso i cittadini più deboli, le loro esigenze, le loro sofferenze. L’abbiamo fatto. Abbiamo cominciato a tagliare le tasse sul lavoro, cosa che si tradurrà in un aumento medio di 500 euro all’anno per gli stipendi medio-bassi. Abbiamo deciso che dal 2020 nessuno dovrà più pagare il superticket sanitario. Con un provvedimento storico, abbiamo stabilito che il 90% delle famiglie italiane, dal prossimo anno, non pagherà più l’asilo nido per i propri figli. Abbiamo avviato un vero rilancio del Mezzogiorno e rilanciato il sostegno del governo verso chi produce ricchezza, bellezza e lavoro in Italia.

Fisco, Cgia: sotto l’albero 43 miliardi di tasse, ndr

Tasse: i poveri finiscono nei tentacoli della piovra fiscale, ndr

C’era da iniziare una rivoluzione sui temi ambientali e sulla lotta ai cambiamenti climatici, la prima vera emergenza della nostra epoca. L’abbiamo fatto, varando un vero e proprio Green New Deal italiano.

“Fake news riscaldamento globale, la speculazione dei prossimi decenni”, ndr

Insomma, c’era da scrivere la parola fine alla stagione delle chiacchiere, della propaganda che si autoalimenta, degli slogan vuoti e inefficaci. L’abbiamo fatto, la manovra è stata approvata al Senato e tra pochi giorni concluderà il suo iter alla Camera. Stiamo cominciando a costruire l’Italia che abbiamo in mente: un’Italia più giusta, più verde e più competitiva.
E’ quanto si legge in una nota a firma dei deputati del Partito democratico.

Condividi