Manovra, M5s: 900mila euro per la promozione della salute dei migranti

[…] Tema controverso emerso dall’esame della manovra, sta riguardando gli stanziamenti sul tema dell’immigrazione. In particolare, come rilevato da Dario Martini su Il Tempo, per il prossimo triennio è stato stanziato quasi un milione di Euro per l’Inmp, ossia l’Istituto nazionale per la promozione della salute dei migranti.

Tra le misure destinate al capitolo immigrazione, la scelta di premiare l’Inmp potrebbe rappresentare nei prossimi giorni uno degli argomenti più scottanti tra sostenitori e detrattori della manovra. In particolare, all’ente dovrebbero andare 300mila Euro l’anno per il prossimo triennio, per un totale dunque di 900mila Euro stanziati a suo favore.

Tali fondi sono stati inseriti nella manovra grazie ad un emendamento di due senatori del Movimento Cinque Stelle, ossia Luigi Di Marzio e Gaspare Marinello. Entrambi sono componenti della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama. A chi ha puntato il dito contro questo emendamento, i due senatori hanno risposto che la norma non vuole rappresentare alcun regalo, bensì al contrario essa ha come obiettivo quello di potenziare i servizi per le fasce più deboli della popolazione: “Contrastare le disuguaglianze della salute in Italia, agevolando l’accesso ai servizi da parte dei più svantaggiati – hanno dichiarato Di Marzio e Marinello in una nota ripresa da LaPresse – è uno dei punti fondanti dell’universalismo del nostro Sistema sanitario nazionale”.

Leggi la notizia su Il Giornale »

In meno di 10 anni sottratti alla Sanità pubblica 37 miliardi

Tutti i governi hanno attinto alla spesa sanitaria per esigenze di finanza pubblica, sgretolando progressivamente la più grande opera pubblica mai costruita in Italia

Tagli alla sanità, 19 milioni di italiani costretti a pagare cure di tasca propria

Nel 2019, quasi 1 italiano su 2 (44% della popolazione), a prescindere dal proprio reddito, si è ‘rassegnato’ a pagare personalmente di tasca propria per ottenere una prestazione sanitaria. Il quadro che emerge dal IX Rapporto Rbm-Censis, presentato oggi al Welfare Day 2019, non è rassicurante per la sanità pubblica. Sono 19,6 milioni gli italiani…

Curarsi è diventato un lusso, aumenta l’impoverimento sanitario

Siamo fra i paesi con i migliori risultati sanitari nel mondo con costi controllati, ma aumenta l’impoverimento delle famiglie quando ci sono situazioni sanitarie complesse, mentre le spese sanitarie sono un lusso per il 5,5% dei nuclei, che arriva quasi all’8% fra le famiglie del Sud. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto C.R.E.A. Sanità – Università…

In Italia 500mila poveri costretti a rinunciare a cure e farmaci

Nel 2018, 539.000 poveri non si sono potuti permettere le cure mediche e i farmaci di cui avevano bisogno, mentre 13 milioni di persone hanno limitato le spese per visite e accertamenti. Lo afferma il Rapporto 2018 – Donare per curare: Povertà Sanitaria e Donazione Farmaci presentato oggi a Roma. La richiesta di farmaci (993.000…

Condividi