Mafia: deputata Italia Viva indagata per falso

PALERMO, 6 DIC – La deputata di Italia Viva Giusy Occhionero è indagata dai pm di Palermo per falso in concorso.
Avrebbe fatto passare il Radicale Antonello Nicosia, poi arrestato per mafia, per suo assistente, consentendogli di entrare nelle carceri. Il rapporto di collaborazione tra i due, però, sarebbe stato formalizzato solo successivamente. Alla parlamentare, che all’epoca dei fatti era esponente di Leu, è stato notificato un avviso di garanzia.

Nelle scorse settimane era stata sentita dal procuratore aggiunto di Palermo Paolo Guido e dai pm Gery Ferrara e Francesca Dessì nell’ambito dell’inchiesta che ha portato all’arresto di Nicosia, del boss di Sciacca Accursio Dimino e di due presunti favoreggiatori.
Dall’indagine era emerso che, oltre a progettare estorsioni e omicidi, Nicosia entrava e usciva dalle carceri, incontrando anche capimafia detenuti al 41 bis, proprio grazie alla Occhionero. ansa

Mafia, messaggi dei boss all’esterno con tessera di assistente parlamentare

Mafia, operazione “Passepartout”: il gip conferma il carcere per Dimino e Nicosia. Il gip di Palermo, Annalisa Tesoriere, ha emesso un’ordinanza cautelare in carcere nei confronti del boss di Sciacca, Accursio Di Mino, 61 anni, e dell’ex assistente parlamentare Antonello Nicosia, 48 anni, sottoposti a fermo di indiziato di delitto dalla Dda di Palermo lo…

Mafia, padre deputata di Italia Viva tenta di bastonare inviato delle Iene

Occhionero – Nicosia (radicali) Questo servizio delle Iene sul caso Occhionero va visto, diffuso, commentato. Perché è un altro squarcio di verità su una vicenda che il Secolo d’Italia sta seguendo con particolare attenzione. Ma la deputata di Italia Viva eletta alla Camera grazie a Liberi e Uguali non risponde dei suoi rapporti con Antonello…

Mafia, carta intestata della Camera al fedelissimo di Messina Denaro

Antonello Nicosia e la deputata nazionale Giuseppina Occhionero di Italia Viva, di cui era assistente parlamentare, fanno il loro primo accesso congiunto nella casa circondariale di Trapani, il 22 dicembre 2018. Il giorno dopo i due conversano in macchina e commentano – come si evince dal decreto di fermo emesso dalla Dda di Palermo –…

“Messaggero dei boss”, arrestato radicale Antonello Nicosia

ispezioni all’interno delle carceri siciliane: durante quelle visite i boss avrebbero affidato all’assistente della parlamentare dei messaggi da recapitare all’esterno

 

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi