Altaforte fuori dalla fiera del libro di Roma

Condividi

 

Altaforte fuori dalla prossima fiera del libro di Roma. Almeno per ora. In attesa di chiarimenti (se mai ce ne saranno), c’è il sospetto da parte della casa editrice vicina a CasaPound che si vogliano evitare nuove polemiche dopo quelle scatenate da ‘Io Sono Matteo Salvini’, il libro-intervista di Chiara Giannini al leader della Lega, culminate nell’esclusione dal Salone del Libro di Torino.

“Abbiamo fatto iscrizione alla fiera del libro ‘Più libri più liberi’, che si terrà a dicembre a Roma, nei giusti tempi proprio avere la sicurezza di partecipare. Solo tre mesi dopo abbiamo ricevuto una mail che dice che ‘purtroppo non ci sono più stand disponibili’ per la nostra casa editrice. A quel punto abbiamo risposto chiedendo gentilmente l’elenco delle altre case editrici che saranno presenti alla fiera. Ma la risposta è stata negativa: non è possibile averla, quindi non è possibile capire il motivo per cui siamo stati esclusi”, racconta all’Adnkronos Francesco Polacchi, fondatore e proprietario della casa editrice vicina a CasaPound, ricordando che è “l’ennesima situazione che si verifica negli ultimi mesi”.



“Quali sono i motivi reali? Non voglio certo parlare di boicottaggio, dico però che non c’è una formula di garanzia nei confronti di una casa editrice già oggetto di censura da parte degli organizzatori di altre fiere del libro. Ad ogni modo – conclude Polacchi – noi non ci tireremo indietro. Andiamo avanti e lotteremo per capire, per partecipare alla Fiera di Roma. Qualora questo non fosse possibile ci presenteremo fuori e lì presenteremo al pubblico i nostri libri”. adnkronos

libri nazisti al salone del libro di Torino

Salone del Libro, Appendino: “ho deciso io di estromettere Altaforte”
Piccola coda di polemiche da Librolandia 2019, con il capogruppo della Lega in Consiglio comunale, Fabrizio Ricca, che ha chiesto ieri le dimissioni del direttore del Salone Nicola Lagioia (per...
Al Salone del Libro la parata islamica. Sgarbi: “gli antifascisti che dicono?”
Dito puntato contro l’ipocrisia del Salone del libro di Torino che ha censurato l’editore Altaforte. Ad accusare, ora, è Vittorio Sgarbi. Lo fa con un post su Facebook in cui,...
Salone del Libro, quando ospitò Curcio e Faranda. E pure Sofri
Non è la prima volta che il Salone del Libro di Torino finisce al centro delle polemiche per i suoi ospiti. Oltre 20 anni fa, nel 1994, la kermesse finì...
Salone del Libro: Altaforte e la mafia del pensiero unico
Matteo Brandi – – La piccola casa editrice Altaforte non potrà partecipare al Salone del Libro di Torino. È stata infatti boicottata, censurata e attaccata dalla mafia del pensiero unico....
Salone del Libro, Appendino e Chiamparino: ‘rescindere contratto con Altaforte’
TORINO, 9 MAG – La Città di Torino e la Regione Piemonte, soci fondatori del Salone del Libro, hanno chiesto agli organizzatori della manifestazione di rescindere il contratto con la...
Il Salone del libro è diventato il privé dell’odio rosso
Al Salone del libro di Torino ci sarà Altaforte, la casa editrice vicina a CasaPound. La notizia non è piaciuta ad alcuni scrittori che vedono il fascismo ovunque...



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -