Troppi stranieri a scuola, genitore marocchino si lamenta: “non è integrazione”

Condividi

 

Bologna – Genitori marocchini non mandano il figlio alla materna: ‘Una classe con troppi stranieri”. “Non è così che si fa integrazione, e mi fa piacere che a sottolinearlo sia un genitore di origine marocchina. Come puoi imparare la lingua e integrarti nella cultura del Paese che ti ospita se tutti i bambini della classe sono stranieri?” E’ il tweet del leader della Lega ed ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha colto la palla al balzo dopo la notizia riportata da diverse testate su un genitore di marocchino che avrebbe tenuto a casa il figlio da una scuola materna in zona Massarenti per via dei troppi bimbi stranieri, tranne otto che sono figli di immigrati.

L’uomo, da tempo in Italia, e sua moglie, che è nata nel nostro paese, lanciano un appello al Comune: “Non si fa integrazione mettendo nelle classi più di venti bambini stranieri“.



L’assessore alla scuola Marilena Pillati ha chiesto di incontrare questi genitori, ma ha sottolineato “Il solo cognome non racconta tutta la storia delle famiglie. Comprendo le preoccupazioni ma vorrei che questi genitori sapessero che possiamo lavorare insieme, che non ci si può fermare di fronte all’etichetta del cognome. Va costruita pazientemente una relazione con i genitori, perché è nella relazione tra genitori che si possono abbattere i muri”.

www.bolognatoday.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -