Febbraio 2019, Regione Emilia-Romagna: “No telecamere nelle case famiglia”

Condividi

 

22 febbraio 2019 – –  https://bologna.repubblica.it
BOLOGNA – Nessun Grande fratello nelle strutture per anziani. La Regione Emilia-Romagna dice no alle telecamere ma dopo quanto emerso nella struttura di San Benedetto Val di Sambro (riprese di violenze, insulti, umiliazioni) ‘apre’ le case famiglia al volontariato, nel nome del “controllo sociale”: libertà d’accesso non solo a parenti e conoscenti, ma anche ad associazioni di volontariato e organizzazioni sidnacali perché effettuino un “controllo sociale”.

“Non possiamo vivere in un mondo dove un Grande Fratello ti controlli 24 ore su 24, abbiamo un elemento che si chiama privacy- sottolinea il presidente della Regione Stefano Bonaccini-. Noi riprendiamo le parole del procuratore capo Amato, anche i famigliari diano una mano a dare una stretta più forte sul tema dei controlli. Serve il coivolgimento più largo possibile”.

Per l’assessore alla Sanità Sergio Venturi, oltre che problematica sul piano etico (“se avessi mia madre in una casa famiglia non vorrei telecamere che la riprendessero”), è anche impraticabile sul piano organizzativo. “In regione abbiamo 500 case famiglia. Considerando sei telecamere stiamo parlando di 6.000 telecamere. E chi guarderebbe 6.000 telecamere 24 ore su 24?”. E ribattendo al consigliere della Lega Daniele Marchetti, insiste: “Le telecamere non si possono installare perché la legge non lo permette, e noi siamo abituati a rispettare le leggi prima ancora di ciò che pensiamo in merito alle singole questioni”.





   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -