“Quando vidi le fatture ero perplesso, ma erano genitori del Presidente del Consiglio”

Condividi

 

FIRENZE, 15 LUG – È prevista per il 7 ottobre prossimo la sentenza del processo per emissione di presunte fatture false che vede imputati a Firenze i coniugi Tiziano Renzi e Laura Bovoli e l’imprenditore pugliese Luigi D’Agostino. Lo ha annunciato in aula il giudice Fabio Gugliotta. Nel corso dell’udienza di oggi, in aula c’era D’Agostino ma non i coniugi Renzi che hanno però depositato tramite i loro legali delle memorie scritte, si è conclusa l’istruttoria.

D’Agostino, nel corso di dichiarazioni spontanee rese davanti al giudice, ha detto che quando vide l’importo delle fatture rimase “perplesso, ma i coniugi Renzi erano i genitori del Presidente del Consiglio, ho subito la sudditanza psicologica e ho ritenuto di non contestare le fatture“. Il 7 ottobre sono previste la requisitoria della pm Christine Von Borries, che parlerà per circa un’ora, e gli interventi dei difensori e delle parti civili, al termine dei quali è prevista la camera di consiglio. ANSA

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -