Traffico di clandestini, Corte d’Assise: eritreo in carcere non e’ Mered

Condividi

 

L’uomo arrestato in Sudan ed estradato nel 2016 in Italia non e’ il capo di una delle maggiori organizzazioni criminali che gestiscono il traffico di migranti A stabilirlo e’ la corte d’assise di Palermo: secondo i giudici si tratta di uno scambio di persona L’imputato non e’ il “generale”, come veniva definito dai trafficanti, ma Medhanie Tesfamariam Bere, un falegname.

Nel 2016 magistrati italiani invece erano certi che si trattasse del trafficante ricercato da anni. Mered Yehdego, 35 anni, secondo i magistrati aveva un grosso “spessore criminale” e per anni sarebbe stato impegnato nella “incessante attività nell’organizzazione di viaggi via mare verso le coste siciliane”

Ora è tutto ribaltato.

Trafficante di clandestini su Facebook: “in Italia l’uomo sbagliato”
Nei messaggi mandati su Facebook il boss eritreo dice che il suo connazionale che andrà a processo a Palermo è vittima di uno scambio di identità...
Traffico di esseri umani: eritreo a giudizio
  PALERMO, 21 SET – Il Gip Alessia Geraci ha rinviato a giudizio Mered Yehdego Medhane, l’eritreo arrestato lo scorso maggio in Sudan dalla Procura di Palermo con l’accusa di...
Bbc, l’eritreo estradato non e’ il boss del traffico di migranti
  Londra – L’eritreo materialmente estradato in Italia dal Sudan non sarebbe Mered Medhanie, il 35enne ritenuto uno dei piu’ importanti capi delle organizzazioni criminali specializzate nel traffico di migranti....
Ha portato 8000 clandestini in Italia, arrestato boss eritreo
  Palermo, 8 Giugno 2016 – E´stato estradato in Italia, dalla Repubblica del Sudan, Mered Yehdego Medhane, l’eritreo 35enne ritenuto tra i principali boss della tratta di migranti. L´operazione è...

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -