“Gomorra” nordafricana nel Milanese: guerra tra pusher a fucilate, 11 arresti

Condividi

 

La “Gomorra” nordafricana nell’ex Snia di Varedo: guerra tra pusher a fucilate, 11 arresti. Per prendersi quella piazza di spaccio, una piazza grande e sicura quanto solo un enorme ex stabilimento industriale può essere, erano pronti a tutto. Pronti a farsi vedere con le armi in mano, pronti a sparare e ad uccidere, o quanto mano a provarci. Tanto che investigatori e inquirenti, senza troppi giri di parole, parlano di una “Gomorra in declinazione nordafricana”. Una Gomorra tremendamente vera sulla quale, però, adesso sono calati i titoli di coda.

Sì perché i carabinieri del comando provinciale di Monza hanno liberato l’ex Snia – la fabbrica di Varedo trasformata nei mesi in un bazar della droga – e hanno spedito in carcere undici persone, dieci nordafricani e una donna italiana, che sono accusate a vario titolo di traffico di droga, porto abusivo di arma fuoco, lesioni personali e tentato omicidio.



Il blitz è avvenuto nei giorni scorsi, con l’utilizzo delle “teste di cuoio” italiane – i militari del Sos – e l’area, festeggiano gli investigatori, “risulta ora bonificata dalla presenza di spacciatori”.

Un’area che nel giro di un mese è stata teatro di tre tentati omicidi, tutti arrivati per il controllo dello spaccio con quelli che i carabinieri definiscono “mirati assalti armati ad opera di una gang di spacciatori estromessa dalla remunerativa gestione della piazza”.

E in effetti la gestione portava soldi, tanti soldi perché in poco tempo l’ex Snia – tra fabbricati pericolanti e alberi nati per caso in quella ditta che produceva tessuti sintetici – era diventata la piazza di spaccio più importante della Brianza. Oltre che il set, reale, di una Gomorra “girata” a poco più di dieci chilometri da Milano.

www.milanotoday.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -