Deutsche Bank confisca 20 tonnellate di oro venezuelano

Condividi

 

A maggio, il Venezuela avrebbe venduto 15 tonnellate di oro del valore di $ 570 milioni dalle riserve della sua banca centrale, aggirando le sanzioni del Tesoro statunitense. Ciò ha portato le riserve auree del paese sudamericano a un minimo da 29 anni; ora valgono $ 7,9 miliardi.

Secondo quanto pubblicato da Bloomberg, la Deutsche Bank AG avrebbe confiscato 20 tonnellate di oro venezuelano e lo sta usando come ”garanzia” perché Caracas sarebbe inadempiente su un accordo bilaterale di swap in oro del valore di $ 750 milioni. Il Venezuela ha ricevuto un prestito in contanti da Deutsche Bank, in linea con l’accordo di finanziamento 2016, che doveva scadere nel 2021.



Le fonti hanno affermato che la banca ha deciso di chiudere il contratto quando il Venezuela ha perso i pagamenti delle imprese all’inizio di quest’anno.

Jose Ignacio Hernandez, procuratore generale dell’autoproclamato presidente Guaido, con sede negli Stati Uniti, ha anche avvertito la Deutsche Bank di non negoziare con quelle che ha definito “le illegittime autorità della Banca centrale venezuelana”.

I portavoce di Deutsche Bank e della Banca centrale venezuelana non hanno ancora commentato la situazione.

A febbraio, il presidente Nicolas Maduro ha detto che “più o meno 80 tonnellate” di oro venezuelano potrebbero essere congelate nella Bank of England.

Alla fine di gennaio, Guaido si è dichiarato presidente ad interim del Venezuela – in una mossa  immediatamente sostenuta dagli Stati Uniti e dai suoi alleati – che ha portato all’escalation di uno stallo politico nel paese sudamericano. Il presidente Maduro ha accusato Guaido di essere un “burattino”, manovrato da Washington per orchestrare un colpo di stato in Venezuela.

Russia, Cina, Cuba, Bolivia, Turchia e un certo numero di altri paesi hanno poi segnalato il loro sostegno a Maduro come l’unico presidente legittimo del Venezuela.

https://sputniknews.com



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -