GB: 48 madrasse insegnano intolleranza e misoginia ai futuri imam

Condividi

 

Un rapporto del governo avverte che oltre 48 scuole islamiche britanniche stanno insegnando l’intolleranza e la misoginia ai futuri imam e che i predicatori emergenti hanno opinioni estreme.
Il Mail on Sunday ha identificato 48 madrasse sparse per la Gran Bretagna che hanno idee radicali, diffuse da predicatori che si trasferiscono nel Regno Unito dai paesi islamici e possono diffonderle ai fedeli con un severo programma chiamato Dars-E-Nizami.

Almeno quattro ‘Darlo Ulooms’ (scuole islamiche) sono state precedentemente criticate dagli ispettori dell’Istruzione, i quali hanno scoperto che agli studenti viene insegnato che la musica e il ballo ”provengono dal diavolo” e che le donne non hanno il diritto di rifiutare il sesso ai loro mariti. Il divieto di musica è simile a quello imposto dallo Stato islamico, che ha effettuato fustigazioni pubbliche su coloro che hanno infranto la regola.



“In queste madrasse la formazione si traduce nello sviluppo di opinioni estremiste perché le istituzioni sono altamente conservatrici e spesso non riescono ad affrontare la sfida dei musulmani nella Gran Bretagna moderna. Significa che gli imam addestrati in Gran Bretagna non saranno meglio equipaggiati degli imam di origine straniera nel fornire un sostegno soddisfacente ai musulmani britannici “.

Haras Rafiq, un esperto anti-estremismo del think tank Quilliam, ha dichiarato: “Gli imam addestrati in Inghilterra non sono migliori di quelli addestrati nel subcontinente indiano perché entrambi hanno assimilato lo stesso programma estremista Dars-E-Nizami.”

Le madrasse operano in molte città, tra cui Londra, Manchester, Glasgow e Leicester, ma il rapporto cita la Darul Uloom High School di Birmingham come esempio di una “madrassa estremista”. La scuola, che conta circa 175 alunni, è stata anche oggetto di un’inchiesta condotta da Channel 4 nel 2011 che ha rivelato che agli studenti veniva insegnato a odiare ebrei, cristiani e indù.

Difendendo la sua scuola, il preside David Bone ha detto: “Se esaminate il nostro ultimo rapporto su Ofsted, scoprirete che la scuola è considerata valida in ogni area. I volantini sulla musica sono stati trovati nella moschea che era stata lasciata da un estraneo e questi ora sono stati rimossi e distrutti, come faremmo con una qualsiasi di tali pubblicazioni. ”

Ai ragazzi del Darul Uloom di Leicester sono stati insegnati “punti di vista stereotipati sui ruoli di uomini e donne” che il personale non ha messo in discussione, hanno detto gli ispettori nel 2015.

Un portavoce della scuola ha dichiarato: “La relazione è stata sostituita da ispezioni più recenti che evidenziano i progressi compiuti dalla scuola. Gli ispettori hanno affermato che gli insegnanti assicurano che gli alunni comprendano l’importanza della libertà di parola e della libertà individuale “.

L’ispettore Ofsted si è interessato di altre madrasse, tra cui la Jamia Al-Hudaa Darul Uloom di Nottingham. Aliyah Saleem – un ex allievo espulso nel 2006 –  ha paragonato la vita della scuola a una prigione ed ha affermato che si insegnava che ai mariti era permesso picchiare e violentare le loro mogli perché questo faceva ‘Allah felice’. La scuola non ha risposto a una richiesta di commento.

Un altro Darul Uloom, a Chislehurst, nel sud-est di Londra, stava per essere chiuso dal Dipartimento della Pubblica Istruzione l’anno scorso dopo che sono stati trovati i coltelli, una pistola giocattolo e 400.000 sterline. Un portavoce della scuola, soprannominato “Muslim Eton”, ha insistito sul fatto che “la tutela e il benessere dei bambini sono sempre di primaria importanza”.

Alcuni jihadisti britannici sono stati ex allievi di Darul Uloom. Sajid Badat, ora quarantenne, da Gloucester è andato in Afghanistan dove si è addestrato per diventare un kamikaze di Al Qaeda. L’ex-allievo del Blackburn Darul Uloom è stato arrestato ed ha scontato 13 anni di carcere.

Uno dei principali imam moderati della Gran Bretagna ha esortato le scuole islamiche a rifiutare il radicalismo. Ibrahim Mogra, che si è formato in un Darlo Uloom, ha dichiarato: “Se promuovono l’isolazionismo e la segregazione dalla società, ciò non sarà accettabile”.

 



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -