ONU: per vincere il populismo bisogna frequentare i migranti

Condividi

 

Michelle Bachelet (Onu) e Soros

L’Onu, pochi giorni fa, ha deciso di alzare il tiro sul fenomeno politico più dirompente di questa fase storica, quello spesso accostato, a torto o a ragione, alle tragedie novecentesche: il sovranismo populista. L’organizzazione sovranazionale ha sostenuto, tramite l’Alto commissario per i diritti umani Michelle Bachelet, che una delle modalità utili a combattere l’avanzata elettorale dei populisti è quella d’incrementare le frequentazioni sociali con i migranti.

A raccontare questa storia è stato pure il quotidiano La Verità. L’occasione buona per rilanciare quella che ha tutte le sembianze di una vera e propria campagna tematica è arrivata con la Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale. A sollevare il dibattito, anzitutto, è il paradigma che alcuni membri delle Nazioni Unite hanno operato: il populismo sovranista porta in dote episodi di discriminazione razziale.



La dialettica è naturale: uno degli obiettivi della propaganda sovranista è proprio quello di scardinare le istituzioni come l’Onu. Sono le realtà come queste – sostengono i populisti – ad aver spogliato i popoli della loro sovranità territoriale e politica. E dall’altra parte hanno iniziato a ragionare sugli antidoti.

Ecco allora che per Bachelet, sempre secondo quanto evidenziato dal quotidiano diretto da Belpietro, si può pensare di porre un argine, perché nel momento in cui i cittadini “hanno numerosi contatti con i migranti, il voto populista tende a essere molto più debole...”.

Se i totalitarismi si curavano viaggiando, insomma, i populismi si attenuano estendendo ai migranti la rete di relazioni sociali. Di questo, almeno, si dicono certi dalle parti di New York. (www.ilgiornale.it)

 



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -