“Perché Oseghale riceve donazioni in carcere dalla Caritas?”

Condividi

 

“E’ curioso che Oseghale ricevesse donazioni in carcere dalla Caritas”: così Marco Valerio Verni, legale della famiglia di Pamela Mastropietro, la 18enne romana che, secondo l’accusa, è stata violentata, uccisa e fatta a pezzi dal nigeriano Innocent Oseghale, sotto processo davanti alla corte d’assise di Macerata.

Il riferimento dell’avvocato romano e’ a un passaggio della testimonianza di Stefano Re, uno degli ex compagni di cella del nigeriano a Marino del Tronto ascoltato ieri, che ieri ha parlato di alcuni vestiti che l’imputato avrebbe ricevuto in carcere dalla Caritas. “Curioso: perché’?”, si è chiesto Verni, lasciando il tribunale a conclusione della seconda udienza del processo, durata oltre 9 ore.  affaritaliani.it

Una parrocchia di Macerata ha pagato per tre mesi l’appartamento abbastanza lussuoso dove viveva Innocent Oseghale, imputato per la morte di Pamela: si trattava di 450 euro al mese

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -