Migranti, ecco com’è diventato il Belgio. Succederà pure in Italia?

Condividi

 

La rivista mensile francese Causeur, di cui sono un gran lettore e che potete scaricare dal web, nel numero di febbraio presenta un’inchiesta dal titolo Diventeremo tutti come il Belgio. Nessun pregiudizio verso questo Paese, ma solo un’analisi basata su un libro scritto sul tema dell’immigrazione da Alain Destexhe, senatore belga ed ex segretario generale di Medici senza frontiere.

Contiene dei dati sconcertanti. Eccone alcuni:

  • Negli ultimi 20 anni, il Belgio ha naturalizzato 700 mila persone, vale a dire quasi il 6% della popolazione, esclusi i clandestini e quelli che hanno richiesto asilo a Bruxelles.
  • Il 56% degli abitanti è di origine straniera (a tal proposito, il senatore lamenta che questa ondata migratoria è avvenuta di nascosto senza alcun dibattito nel Paese).
  • Il 50% dei giovani musulmani del Belgio si dichiara antisemita.
  • Il 70% dei musulmani residenti in Belgio crede che i loro valori religiosi e la sharia siano superiori alle leggi dello Stato.
  • Nel 2050, con questo ritmo, gli immigrati musulmani potrebbero essere il 18% della popolazione del Belgio (il che significa che la struttura politica, sociale e culturale del Paese ne risulterebbe completamente stravolta).

Chi porta questi dati viene additato come razzista, ma è vero il contrario: il dibattito sulle politiche migratorie è un bene per i cittadini europei, ma anche per chi arriva regolarmente nel nostro Paese.

Diventeremo come il Belgio? Difficile dirlo. Di certo, bisognerà chiedere all’Europa maggiore femermezza e coordinamento nel governare l’immigrazione. La politica delle porte aperte non ha funzionato. Insistere sarebbe suicida.

Alessandro Gnocchi, 21 febbraio 2019 – –  www.nicolaporro.it


Il commento di Giampaolo

Sono un sacerdote italiano in Belgio.
Sono in una parrocchia di 15000 abitanti ma solo 250 sono cattolici praticanti (meno del 2%)
Di questi 15000, 8000 sono i Belgi e 7000 stranieri di cui 3000 musulmani quasi tutti praticanti.
Le Chiese le stanno chiudendo un po’ alla volta perché costa mantenerle e sono costi troppo elevati per il basso numero di praticanti.
Le sale adibite a moschee non bastano a contenere tutti. Questo é solo l’inizio.
Ma mi chiedo questo dipende solo dai governi o anche dalle migliaia di battezzati che hanno abbandonato fede e valori cristiani su cui l’Europa si é fondata?
Il progresso culturale europeo deve quasi tutto al cristianesimo, negarlo o rinnegarlo ci porterà tutti indietro, alla barbarie.
Ma non perdiamo mai la speraza amici. Un abbraccio.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -