Ex brigatisti in vacanza per il mondo, figlia di Moro fa causa allo Stato Italiano

Condividi

 

Caso Moro, la figlia Maria Fida e il nipote Luca: “Chiamiamo in causa lo Stato. Noi siamo stati abbandonati e intanto i brigatisti erano in vacanza. Insieme a mio figlio Luca ho dato mandato al nostro legale di intraprendere una serie di azioni legali nei confronti dello Stato italiano per i danni innumerevoli ed ingiustificati, morali e materiali

Roma, 21 gen. – “Insieme a mio figlio Luca ho dato mandato al nostro legale, avvocato Valerio Vartolo, di intraprendere una serie di azioni legali nei confronti dello Stato italiano per i danni innumerevoli ed ingiustificati, morali e materiali riguardanti il caso Moro. Mentre ex brigatisti facevano i vacanzieri in giro per il mondo noi vivevamo una solitaria agonia ad oggi lunga quarantuno anni. Lo Stato italiano deve essere chiamato pesantemente in causa a rispondere delle proprie “inadempienze”.

Le vittime sembrano proprio non interessare allo Stato tranne che per qualche applauso nelle ricorrenze di rito. Lo Stato non si è limitato a voltarci le spalle, ma ci ha trattato – nel migliore dei casi – con indifferente sufficienza. È dunque giunta l’ora che questo Paese – che era anche il nostro – faccia la figura orribile che si merita agli occhi di tutto il mondo”.

È quanto dichiarano Maria Fida Moro e Luca Moro, rispettivamente figlia primogenita e nipote di Aldo Moro.

“Non solo non hanno voluto salvare mio padre ma, quattordici anni fa, si sono anche permessi di fare una legge (206 del 3 agosto 2004, ndr) in favore delle vittime del terrorismo e di applicarla per tutti tranne che per lui. Ho intenzione di fare causa alle istituzioni dello Stato quantomeno per complicità, favoreggiamento e omissione. E se non basta voglio andare alla Corte dell’Aia – visto che il terrorismo è equiparato a una guerra – perché mio padre è vittima di un crimine di guerra”.

Fra l’altro Fida Moro dice: “Se dovesse succedere qualcosa a mio figlio o a me, di qualunque genere, in cinque diversi continenti saranno pubblicati documenti che con cura ho raccolto per quarant’anni“.“

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -