Traffico di migranti, sequestrati beni per 3 milioni di euro

Condividi

 

Nella maxi operazione contro il traffico di migranti è stato bloccato un sodalizio criminale dedito allo sfruttamento dell’immigrazione clandestina, al contrabbando di tabacchi e alla fittizia intestazione di beni e attività economiche. Tra immobili, auto, pescherecci e disponibilità finanziare, sono stati sequestrati oltre 3 milioni di euro. Fermate 14 persone.

E’ quanto emerso nell’operazione ‘Barbanera’, compiuta dai finanzieri del Comando Provinciale di Palermo, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica palermitana (in collaborazione con personale dello Scico e dei Comandi Provinciali di Trapani e Agrigento, nonché del Reparto Operativo Aeronavale di Palermo e del Comando Operativo Aeronavale di Pratica di Mare). Nell’operazione sono 14 i provvedimenti di fermo di indiziato di delitto disposti dal pm nei confronti di italiani e stranieri.



I FERMI – Alcuni dei soggetti sono stati bloccati presso il porto di Palermo, agli ormeggi per l’imbarco su motonavi in partenza per la Tunisia, in un caso pronti a esportare illecitamente denaro contante, presunto provento delle attività delittuose, per oltre 30.000 euro.

I SEQUESTRI – Sequestrate inoltre 3 aziende operanti nel trapanese e riconducibili al promotore dell’organizzazione criminale (un ristorante, un cantiere nautico e una azienda agricola, oggetto del reimpiego degli illeciti proventi) nonché diversi immobili, automezzi, due pescherecci, denaro contante e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro.

I MIGRANTI – Il sodalizio criminale, che vantava basi operative nel territorio dei comuni di Mazara del Vallo e Marsala (Trapani), Palermo, Lampedusa e in Tunisia, utilizzava gommoni carenati, dotati di potenti motori fuoribordo, con i quali era in grado di coprire il tratto di mare che separa le due sponde del Mediterraneo in poche ore trasportando – per ciascuna traversata – dai 10 ai 15 migranti irregolari (che pagavano somme fino a 3mila euro), oltre ad una quantità variabile di tabacchi che “raggiungeva in alcuni casi il peso di qualche quintale”.

I GOMMONI – Per le traversate venivano usati gommoni e imbarcazioni “precedentemente introdotti illegalmente a Lampedusa e già sottoposti a sequestro dalle Forze di Polizia”.

GLI INQUIRENTI – Con questa operazione, dicono gli investigatori della Guardia di Finanza, si “pone fine alle attività illecite dell’organizzazione nello sfruttamento della disperazione di esseri umani e la priva definitivamente dei patrimoni accumulati, a concreta testimonianza dell’azione di servizio della Guardia di Finanza che integra funzioni di polizia economico-finanziaria e di polizia del mare”.  ADNKRONOS



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -