Tunisia: cinque terroristi condannati a morte per impiccagione

Condividi

 

di Armando Manocchia

Tunisi – Sofiene Sliti, portavoce del polo anti-terrorismo, ha annunciato che la quinta camera penale presso il Tribunale di prima istanza di Tunisi, specializzata in crimini terroristici, ha condannato a morte per impiccagione cinque criminali, tra cui Borhen Boulaabi, dopo aver dimostrato il loro coinvolgimento nel massacro del minorenne Mabrouk Soltani, che fu decapitato nel novembre 2015. Boulaabi è stato arrestato dalle forze militari sabato 6 gennaio 2018.  Del grave episodio abbiamo parlato qui >>> Tunisia: video-horror dell’Isis, decapitato un adolescente



Le immagini mostravano il ragazzo in ginocchio e con le mani legate dietro la schiena, mentre veniva interrogato da un gruppo di uomini che voleva fargli ammettere di aver ricevuto denaro dai militari in cambio di informazioni.
Dopo la decapitazione, i jihadisti consegnarono la testa al cugino della vittima, un 14enne, anche lui sulle montagne di Meghila, e gli ordinarono di portarla a casa come avvertimento per gli abitanti.

Il corpo mutilato del ragazzino fu trovato in un’area sulle montagne della regione di Kasserine, diventata dal 2011 una roccaforte dei jihadisti tunisini, e zona di addestramento per tutti gli estremisti provenienti dai vari punti del Sahel che da li’ partono per combattere in Siria e Libia.

Il ministero ha detto che Borhene Boulaabi, nato il 24 maggio 1991 a Kasserine, è “uno dei più pericolosi terroristi appartenenti al gruppo di Jund Al Khilafa” che guidava la Brigata del Monte Mghila, accusato anche di aver attaccato soldati dell’esercito nazionale a Henchir Talla, a Kasserine e alcuni membri della Guardia Nazionale di Sidi Ali Ben Oun a Sidi Bouzid.

Secondo Radio Mosaic Fm, il terrorista ha anche ammesso che gli estremisti del gruppo “Jounoud Al-Khilafa” avevano pianificato di uccidere 3 agenti delle forze dell’ordine che fanno servizio a Kasserine.

La regione Toscana finanzia progetti sanitari in Tunisia a Kasserine

Tunisia: a Kasserine un centro di reclutamento per il jihad



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -