Tunisia: video-horror dell’Isis, decapitato un adolescente

 

Un gruppo jihadista tunisino, Jund al-Khilafah, vicino all’Isis, ha divulgato un video in cui mostra la decapitazione di un adolescente, un giovane pastore tunisino accusato di collaborare con l’esercito.

decapitato-mabruk-sultani
Nella registrazione divulgati nella notte, il gruppo rivendica l’uccisione di Mabruk Sultani, 16 anni appena, e avverte a popolazione che questo e’ il destino di chi collabora con la Guardia Nazionale nei combattimenti contro i jihadisti nella zona delle montagne alla frontiera con l’Algeria.

Le immagini mostrano Sultani in ginocchio e con le mani ammanettati dietro la schiena, mentre viene interrogato da un gruppo di uomini che vuole che egli ammette di aver ricevuto denaro dai militari in cambio di informazioni.
Dopo la decapitazione, i jihadisti hanno consegnato la testa al cugino della vittima, un 14enne, anche lui sulle montagne di Meghila, e gli hanno ordinato di portarla a casa come avvertimento per gli abitanti.

Il corpo mutilato dei ragazzino e’ stato trovato in un’area sulle montagne della regione di Kasserine, diventato dal 2011 una roccaforte dei jihadisti tunisini, e zona di addestramento per tutti gli estremisti provenienti dai vari punti del Sahel che da li’ partono per combattere in Siria e Libia. (AGI) .

Tunisia, campo di addestramento jihadista scoperto a Kasserine

La regione Toscana finanzia progetti sanitari in Tunisia a Kasserine

E’ Kasserine, secondo le autorità di Tunisi, il centro per eccellenza per il reclutamento di giovani da mandare a ingrossare le fila dello Stato Islamico (Is). Un tempo culla della Rivoluzione dei gelsomini, quella che dalla Tunisia ha diffuso nella regione l’ondata delle Primavere araba, Kasserine è ora tristemente nota come centro per la radicalizzazione di giovani uomini prima di andare in Siria e in Libia. Sono almeno tremila, secondo il ministero degli Interni di Tunisi, i tunisini che hanno scelto di unirsi all’Is, il numero più alto di ‘stranieri’ che hanno aderito al progetto dell’autoproclamato Califfato.

jihadisti-olanda

A una trentina di chilometri al confine con l’Algeria, la posizione geografica di Kasserine la rende un luogo ideale come punto di incontro per i jihadisti di entrambi i Paesi. Inoltre, trovandosi ai piedi delle montagne Chaambi, offre il terreno ideale per i campi di addestramento per i terroristi.

Città con un alto tasso di povertà, Kasserine ha anche una strada, nel quartiere di al Zuhour, che i residenti indicano come ‘Via del Jihad’. E questo perché, spiega la Cnn, qui vive un gran numero di famiglie i cui figli risultano dispersi, uccisi o in cella, per essersi uniti alla ‘Guerra santa’.

In un reportage condotto dalla Cnn si vedono molti giovani che girano in città in pieno giorno, senza nulla da fare, tantomeno un lavoro. Alle telecamere mostrano le cicatrici che si sono procurati combattendo contro le forze della sicurezza del deposto regime di Zine el Abidine Ben Ali, al potere per 23 anni in Tunisia prima di essere deposto nel febbraio del 2011. Hanno combattuto per una rivoluzione che avrebbe dovuto portare con sé condizioni di vita migliori, sradicare la povertà e offrire nuove opportunità di impiego. Ma, per ora, quello che ha prodotto a Kasserine è trasformarla in un terreno fertile per il reclutamento.

Se nella maggior parte dei casi in Occidente il reclutamento di jihadisti avviene online, a Kasserine l’indottrinamento avviene nei quartieri vicini alle moschee.. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -