Ponte Genova: Autostrade acquista terreni che saranno espropriati per la ricostruzione

Condividi

 

GENOVA, 28 DIC – Autostrade ha chiuso una trattativa con alcune aziende che a seguito del crollo di ponte Morandi hanno chiuso la loro attività. Con 20 milioni di euro utilizzati, a seconda dei casi, per rimborsi, acquisto aree e depositi o investimenti in nuovi macchinari, l’accordo è stato siglato nei giorni scorsi.

Contemporaneamente Aspi è entrata in possesso di terreni ed edifici che, in vista del cantiere per la realizzazione del nuovo viadotto, dovranno essere espropriati. Autostrade dice che non si opporrà all’esproprio, anche perché i costi, come previsto da un decreto del commissario, ricadono su Aspi. Secondo Aspi, l’operazione sarebbe stata fatta per dare risorse immediate alle aziende.



Secondo la struttura commissariale la strategia di Autostrade potrebbe essere quella di togliere dal processo la costituzione di parte civile di una parte di aziende colpite dal crollo, come avvenuto con alcune famiglie delle vittime. Le imprese sono tutte sul lato ovest della zona rossa e davano lavoro a una trentina di dipendenti. (ANSA)



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -