Congo: città roccaforti dell’opposizione escluse dalle elezioni

Condividi

 

Gli elettori di tre città congolesi, conosciute come roccaforti dell’opposizione, saranno esclusi dalle elezioni presidenziali per “motivi di sicurezza e di salute”. Lo hanno detto i funzionari, con una mossa che certamente aumenterà le tensioni politiche prima del ballottaggio di domenica.

La commissione elettorale nazionale (CENI) ha detto che il rinvio delle votazioni fino a marzo, nelle città orientali della Repubblica Democratica del Congo di Beni e Butembo e nelle aree circostanti, è giustificato dall’epidemia di Ebola – la seconda peggiore nella storia. Ha citato invece la violenza etnica come causa del rinvio elettorale nella città occidentale di Yumbi.



Le elezioni hanno lo scopo di condurre al primo passaggio democratico del potere nella RDC, principale produttore di rame in Africa, e i cui conflitti hanno in passato destabilizzato l’intera parte centrale del continente.

Kizito Bin Hangi, il presidente dei gruppi della società civile a Beni, ha detto a Reuters che la decisione della Ceni, controllata dallo stato, è ingiustificata e che giovedì prossimo i residenti inizieranno le proteste per chiedere che il voto proceda.

Il principale candidato dell’opposizione, Martin Fayulu, aveva in precedenza avvertito la CENI di evitare ogni mossa per impedire il voto a Beni e Butembo. “Il pretesto dell’Ebola è fallace perché ci sono state altre campagne in queste aree. È ancora un’altra strategia per dirottare la verità dei sondaggi “, ha twittato.

Paul Tshilumbu, portavoce del partito UDPS dell’altro principale candidato dell’opposizione, Felix Tshisekedi, ha detto a Reuters che Tshisekedi parteciperà al voto di domenica nonostante l’annuncio della CENI.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -