Tsunami in Indonesia: oltre 200 morti e centinaia di feriti

di Ansa

Sono almeno 222 i morti e centinaia i feriti dopo lo tsunami innescato da un’eruzione vulcanica nello stretto ella Sonda, in Indonesia. Ma il timore è che il bilancio si destinato ancora a salire.Centinaia di edifici sono stati spazzati via dall’onda, che ha colpito la costa di Sumatra meridinale e la parte occidentale di Giava attorno alle 21.30 (15.30 in Italia) di ieri dopo che un vulcano, conosciuto come il “figlio” del Krakatoa, è eruttato. L’ha riferito il portavoce dell’agenzia nazionale per il disastri Sutopo Purwo Nugroho.

Un video drammatico postato sui social media mostra un muro di acqua che si abbatte su un concerto del gruppo pop “Seventeen”, trascinando via i membri della band dal palco. In seguito in un post su Instagram il frontman Riefian Fajarsyah ha raccontato che il bassista della band e il manager sono stati uccisi, mentre la moglie è dispersa.

I team di ricerca e soccorso hanno confermato la morte di 222 persone, con 843 feriti e 28 dispersi, ha spiegato Nugroho. Diversamente dagli tsunami innescati da terremoti, in caso di quelli prodotti da eruzioni nonm c’è il tempo di avvertire la popolazione, ha spiegato l’International Tsunami Information Center. (askanews Fonte Afp)

Secondo l’Australian Broadcasting Corporation, nella sola zona di Lampung, a Sumatra, i morti sarebbero almeno 113. Mentre a Pandeglang, sull’isola di Java, le vittime sarebbero 92. Non ci sono ancora conferme ufficiali.

Il presidente indonesiano Joko Widodo ha dato ordine al governo di prendere “immediate misure di risposta all’emergenza, per cercare le vittime e soccorrere i feriti” dello tsunami. Lo ha annunciato lui stesso su Twitter, esprimendo le proprie “sincere condoglianze” per le vittime del disastro.

Condividi