Tagli alla Sanità: in Italia sempre meno infermieri, allarme Ocse e Oms

26 settembre – Sempre meno infermieri in Italia. Dal 2009 il Paese ne ha persi 12.031. E Ocse e Oms lanciano l’allarme: “Questi professionisti sono pochi rispetto agli abitanti per garantire l’efficienza dell’assistenza e per affrontare le sfide emergenti di cronicità e invecchiamento”.

A riferire la presa di posizione delle due organizzazioni internazionali è la Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi).

L’Ocse ricorda che “gli italiani invecchiano e la domanda di assistenza sanitaria sale. La popolazione italiana è una delle più vecchie al mondo: quasi il 20% supera i 65 anni di età e, secondo i dati Istat, nel 2050 circa l’8% degli italiani avrà più di 85 anni. Il sistema sanitario italiano, al momento, potrebbe non essere in grado di far fronte a questi cambiamenti, in particolare per quanto riguarda il rinnovo e l’assunzione del personale infermieristico.

Si calcola che la carenza di infermieri, già importante soprattutto al Nord, aumenti ogni anno a causa dello squilibrio tra i pensionamenti (17 mila all’anno) e le nuove assunzioni (8 mila all’anno)“.

Secondo l’Oms la Penisola deve rispondere ad alcune sfide tra cui, oltre a difendere meglio l’accesso universale all’assistenza, deve aumentare ancora una volta il numero di infermieri. “Complessivamente il numero degli operatori del sistema sanitario è cresciuto negli ultimi 10 anni, ma il numero di infermieri rimane basso: 6,5 ogni mille abitanti, mentre la media Ue è di 8,4“.

Secondo i documenti internazionali di Ocse e Oms, alla luce di una popolazione che invecchia (22% sopra i 65 anni nel 2015, la più anziana in Europa), che spende pochi anni in buona salute (7,7 anni rispetto a 9,4 in media nell’Ocse) e crescenti necessità per un’assistenza sanitaria di lungo termine, il numero di infermieri laureati negli ultimi 20 anni è aumentato, grazie a un migliore iter formativo e a un cambiamento nei requisiti d’ingresso per incentivare l’iscrizione. Ma non basta: il numero di infermieri laureati rimane il quinto più basso nell’Ocse (20,6 per 100 mila persone rispetto alla media Ocse di 46).

(AdnKronos Salute)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -