Cascina, ‘richiedenti asilo’ protestano per le condizioni di igiene

Non sanno rimboccarsi le maniche e rendere piu’ confortevole il posto in cui vivono? Evidentemente no!

È in corso da stamani la protesta di una quindicina di richiedenti asilo ospitati presso il centro di accoglienza de la Tinaia, a Cascina (Pisa), gestito da un privato che da anni ha l’affidamento da parte della prefettura. Gli stranieri si sono barricati all’interno impedendo agli operatori di entrare e lamentando “un pessimo stato delle condizioni igienico-sanitarie della struttura”, che negli anni passati era adibito a bed and breakfast.

Secondo quanto si è appreso, i migranti hanno chiesto e ottenuto una serie di verifiche eseguite dai vigili del fuoco insieme agli ispettori dell’Asl e ora è in corso una riunione in prefettura, alla quale partecipa anche il sindaco leghista di Cascina, Susanna Ceccardi, che da anni chiede la chiusura del centro e ne denuncia le precarie condizioni. ansa

Festa e balli con le operatrici Coop, i richiedenti asilo non vanno a lavorare

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -