Affetto da Epatite C sputa saliva e sangue addosso ai poliziotti

Affetto da Epatite C sputa saliva mista a sangue addosso ai poliziotti. Per loro nessuna profilassi, Paoloni (Sap): «Polizia lavoratori di serie B?»

Durante la notte di Ferragosto una squadra del VII Reparto Mobile, aggregata a Rimini, durante il proprio turno di servizio ha soccorso una ragazza che era appena stata derubata da un uomo che, fin dai primi istanti ha cercato di autolesionarsi e causare lesioni anche ai poliziotti che sono stati costretti ad ammanettarlo. L’uomo gridava a squarciagola che gliel’avrebbe fatta pagare e li avrebbe portati tutti in tribunale. Una volta arrivati in Questura la violenza del soggetto non si è attenuata e, anzi, lo stesso dopo essersi provocato una lesione al naso ha iniziato a sporcare col proprio sangue i poliziotti e il personale del 118 nel frattempo intervenuto, spuntando loro addosso saliva mista a sangue e gridando di essere infetto da Hiv e Epatite C, mentre tutti i presenti cercavano di contenerlo e calmarlo senza causargli ferite o altro.

«Fin qui niente di nuovo – commenta Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap) – gli episodi in cui i poliziotti devono limitare l’uso della forza per contenere soggetti in condizioni estreme sono ormai all’ordine del giorno. Peccato però – prosegue – che, dopo aver accompagnato la persona in ospedale e aver verificato che, pur non essendo infetto da HIV, lo stesso era però infetto da Epatite C, per i poliziotti è iniziato un vero e proprio calvario perché nessuna struttura sembrava disposta ad effettuare il primo banalissimo prelievo per la profilassi anti Epatite C. Non solo, a Rimini nessuna struttura ospedaliera pubblica, dove gli stessi erano andati per la cura delle lesioni riportate ed i controlli del caso, gli ha effettuato questo prelievo, ma neppure una volta giunti a Bologna, presso il Policlinico S. Orsola è stata avviata questa profilassi».
Solo il giorno successivo, dopo notevoli insistenze da parte dei poliziotti stessi, presso la Medicina del Lavoro, gli è stato finalmente effettuato questo prelievo, seppure i poliziotti non siano normali lavoratori coperti dall’INAIL (ma questa storia è un capitolo a parte).

«La domanda che ci poniamo è molto semplice – conclude Paoloni – i poliziotti hanno diritto ad essere curati e tutelati per le eventuali malattie contratte in servizio? Hanno diritto ad essere curati per le infermità contratte in servizio? Serve idonea profilassi e protocolli certi che tutelino adeguatamente le forze dell’ordine».

Roma, 19 agosto 2018

COMUNICATO STAMPA SAP, Sindacato autonomo di Polizia

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -