I richiedenti asilo erano trafficanti di droga. Chi li ospitava non si è accorto di nulla?

In Friuli viene smantellata una rete di trafficanti di droga e si scopre che i pusher erano richiedenti asilo afghani e pakistani.
Adesso basta, non è concepibile che non passi giorno senza che le notizie di cronaca riportino di violenze o reati commessi da questi clandestini mantenuti a spese nostre.
Ma questa grave vicenda emersa con gli arresti di Pordenone evidenzia un altro problema: queste strutture di accoglienza che, per lucrare, per intascarsi 1300 euro mensili dallo Stato per il mantenimento di ogni singolo richiedente asilo, quasi sempre non hanno la capacità e l’organizzazione per sorvegliare questi immigrati.

A Pordenone chi doveva controllare i movimenti e gli orari di questi richiedenti asilo? Possibile che i responsabili o gli operatori della struttura non si fossero accorti di nulla?
Si tratta di un caso gravissimo, che dimostra come l’Italia è insicura e vulnerabile, dall’interno: perché se al posto di fare i pusher questi immigrati avessero deciso di fare i jihadisti? Magari qualcuno al Viminale ha voglia di rispondermi.

Lo afferma il sen. Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -