Spara ai carabinieri per farsi uccidere

Voleva morire ucciso dai carabinieri in una sparatoria. Per questo, la scorsa notte, a Settimo ha affiancato con la sua auto una pattuglia di militari e ha sparato due colpi a salve contro l’auto. Di qui un lungo inseguimento che si è concluso al casello di Santhià sull’autostrada Torino-Milano dove è stato arrestato.

Protagonista un 30enne idraulico, nato in Bielorussia e residente nel torinese: colpito da depressione, aveva pianificato la sua morte scrivendo in un biglietto – trovato sulla sua auto – che voleva morire ucciso dai carabinieri, a cui per questo chiedeva scusa.

I COLPI – Durante l’inseguimento, l’uomo ha forzato la barriera del casello di Rondissone e poi, sempre guidando a elevata velocità, ha esploso altri colpi contro la pattuglia.

L’ARRESTO – I militari hanno risposto sparando a una gomma ma neppure la ruota bucata ha impedito al 30enne di proseguire fino a una piazzola dove, sceso dalla vettura, ha di nuovo esploso due colpi e poi è ripartito fino a quando ha perso il controllo dell’auto finita contro una barriera ‘New Jersey’, dove è stato bloccato e arrestato.

LA PISTOLA – In macchina i militari hanno sequestrato una pistola semiautomatica con tappo colorato di nero per rendere l’arma giocattolo più simile possibile a una pistola vera e il biglietto in cui spiegava le sue intenzioni. Né i carabinieri, né l’arrestato sono rimasti feriti. ADNKRONOS

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -