Pugni alla moglie ‘perchè gli manca di rispetto’, violenze da anni: kosovaro arrestato

Una storia fatta di prepotenza e di maltrattamenti che vanno avanti da anni. L’allarme è scattato martedì sera con una chiamata al 112: una donna diceva di essere stata picchiata davanti ai figli adolesenti, chiedendo l’intervento delle divise.

Litigi e maltrattamenti in famiglia a Bologna: in manette un kosovaro

Un kosovaro è stato arrestato per avere picchiato la moglie, mandandola all'ospedale con traumi e contusioni. L'uomo ha dichiarato ai Carabinieri di averlo fatto "giustamente".

Geplaatst door Ètv op Vrijdag 23 maart 2018

La pattuglia dei Carabinieri si è recata sul posto ed è finita con un arresto per maltrattamenti contro familiari o conviventi e lesioni personali. In manette un 36eienne di origini kosovare.

LA VITTIMA: VOLTO TUMEFATTO E COPERTO DI SANGUE. All’arrivo dei militari, la 35enne straniera aveva il volto tumefatto e ricoperto di sangue, mentre il marito, poi identificato nel trentaseienne kosovaro, se ne stava tranquillamente in casa.

“L’HO PICCHIATA PERCHE’ MI HA MANCATO DI RISPETTO”. Ai militari l’uomo ha ammesso di aver picchiato la moglie perché gli aveva mancato di rispetto. La donna è stata soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata d’urgenza al Pronto Soccorso, dove è stata medicata e dimessa con una prognosi di quindici giorni, a seguito di un trauma cranico e facciale.

REGOLE SEVERE PER MOGLIE E FIGLI costretti a sottostare a una serie di regole. Una situazione difficile che la donna aveva pagato a caro prezzo qualche anno fa, quando fu ricoverata presso il Reparto di Terapia Intensiva del Policlinico Sant’Orsola Malpighi a causa di un arresto cardiaco.

Quanto successo martedì sera non sarebbe altro che l’ennesimo episodio di violenza domestica che poteva avere un epilogo peggiore. L’uomo, infatti, si è scagliato contro la donna e dopo averla tramortita con un pugno alla bocca dello stomaco, l’ha percossa minacciandola di morte.

Quando la donna ha chiamato il 112, il kosovaro avrebbe gridato “Io non ho paura dei Carabinieri, tanto non mi possono fare nulla, puoi chiamarli quanto vuoi, poi vediamo…”. Su richiesta della Procura della Repubblica di Bologna, l’uomo, gravato da precedenti di polizia specifici, è stato arrestato e condotto alla Dozza. Gli sono poi stati dati i domiciliari in un luogo differente dalla casa dove vivono moglie e figli.

www.bolognatoday.it

Condividi