Tecnico ucciso in Libia, l’Inps nega la pensione alla vedova

 

FAILLA

Una storia italiana e quindi incredibile. E assurda. Come riporta il Corriere della Sera, un mese fa l’Inps ha respinto la domanda di Rosalba Castro, vedova di Salvatore Failla (il tecnico italiano assassinato in Libia nove mesi fa) per accedere alla pensione garantita per legge ai familiari delle vittime del terrorismo presentata quasi sei mesi prima.

Motivo? La documentazione è scarsa. Cioè manca un certificato della prefettura di Siracusa e un’autocertificazione non è accettabile. Insomma, serve assolutamente un documento che attesti la condizione di “familiare superstite di vittima del terrorismo”.

Documento che però latita in quanto, come ha spiegato alla stessa vedova la prefettura di Siracusa: il rilascio è subordinato al decreto ministeriale di concessione della pensione. E siccome “il procedimento amministrativo è ancora in corso di svolgimento, questo ufficio non può al momento rilasciare l’attestazione richiesta”.  ilgiornale.it



   

 

 

1 Commento per “Tecnico ucciso in Libia, l’Inps nega la pensione alla vedova”

  1. NON C’E’ DA MERAVIGLIARSI- DOPO UN 70ESIMO DI ANNI DI OMISSIONI . DI CARTE INVENTATE . (IO COINVOLTO PERSONALMENTE)
    TUTTO NELLA MORALE DELLA BILANCIA ITALIA … … SONO STATI CORROSI ANCHE I PIATTI.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -